EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Oggi e domani 17 città con il bollino rosso, saranno 19 venerdì

Da dopodomani Palermo e Cagliari tornano a respirare
Da dopodomani Palermo e Cagliari tornano a respirare
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Situazione pressochè stabile in questi giorni con caldo e afa che continuano ad attanagliare l'Italia. Oggi e domani sono, infatti, 17 le citta che si aggiudicano il bollino rosso, cioè il massimo rischio caldo per tutta la popolazione. Venerdì saranno invece 19, anche se, per la prima volta dopo diversi giorni, vedremo finalmente riapparire il bollino verde per due città: Palermo e Cagliari tornano in una situazione di normalità. Secondo il Bollettino sulle ondate di calore del ministero della Salute, basato sui dati relativi a 27 città, l'allarme massimo riguarda Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Milano, Napoli, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona Viterbo. A queste il 25 agosto si aggiungeranno Bari e Campobasso che oggi e domani sono a rischio caldo per la popolazione fragile (bollino arancione). In arancione domani e dopodomani anche Ancona. Bollino giallo, cioè in stato di pre-allerta, da oggi fino a venerdì per Catania, Civitavecchia, Messina, Pescara e Reggio Calabria. Oggi si aggiungono Ancona, Cagliari e Palermo. Queste ultime due resteranno gialle anche domani, per poi finalmente passare al bollino verde ed essere i primi centri urbani monitorati in cui si riprenderà a respirare. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: bombe di Israele dopo la sentenza Cig, l'Italia riparte con i finanziamenti Unrwa

Cosa ha causato il crollo del ristorante Medusa a Maiorca?

Cosa pensano i georgiani della nuova legge sull'influenza straniera?