EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ecco come le ondate di calore cambiano le nostre vacanze estive

La spiaggia di Alcudia a Maiorca (foto d'archivio)
La spiaggia di Alcudia a Maiorca (foto d'archivio) Diritti d'autore Christof Stache /AP
Diritti d'autore Christof Stache /AP
Di Thomas GahdeIlaria Federico, dpa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in tedesco

La classica vacanza estiva nel Mediterraneo ha ancora un futuro? È una domanda che si pongono i viaggiatori che da anni scelgono le regioni dell'Europa meridionale, molto toccate dalle ondate di calore, per le loro vacanze.

PUBBLICITÀ

L'industria del turismo, che contribuisce in modo significativo al prodotto interno lordo europeo, dovrà cambiare radicalmente nei prossimi anni, a causa delle ondate di calore che potrebbero colpire sempre più duramente il continente, con temperature intorno ai 40 gradi Celsius nella regione mediterranea.

La Spagna, l'Italia e la Grecia sono tra i Paesi dell'Ue le cui economie sono particolarmente orientate verso il settore turistico.

Uno studio della Commissione europea, condotto da David Garcia León, analista per le politiche di adattamento e impatto climatico presso la Commissione europea, ha riscontrato un chiaro modello di cambiamento nord-sud nella domanda di turismo in Europa, con le regioni settentrionali che beneficiano dei cambiamenti climatici e le regioni meridionali che devono affrontare un calo significativo della domanda di turismo.

"Nessun declino, ma cambiamento"

Jean-Pierre Mas, presidente dell'associazione francese delle agenzie di viaggio "Entreprises de Voyage", non è d'accordo: "Non ci sarà un declino drammatico. Ci sarà invece un cambiamento graduale". Come avverrà questo cambiamento? Avrà luogo in due movimenti o in due fasi, se così si può dire. Da un lato, i francesi, che hanno sofferto molto per il caldo di quest'estate, cercheranno di trovare destinazioni un po' meno calde, cioè meno verso il sud e un po' più verso il nord, che sia il nord della Francia, ma anche il nord Europa, cioè destinazioni dove non fa così caldo in luglio e agosto.

Le Mauritius, ad esempio, sono diventate la nona destinazione estiva più importante per i francesi, nonostante il clima sia invernale in luglio e agosto. Ci sono quindi dei cambiamenti comportamentali che stanno lentamente avvenendo. Ma questo non significa che il turismo crollerà in Paesi come Grecia, Spagna e Italia. La stagione non sarà limitata a luglio e agosto e si estenderà a tutta la primavera e all'autunno. Che cosa significa? La gente viaggerà in Andalusia in primavera, nelle isole greche in primavera o in autunno e un po' meno in estate".

Secondo i calcoli dell'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), l'Europa è la regione più visitata al mondo. Nel 2020, l'Europa ha generato il 41% di tutti gli introiti del turismo mondiale e ha registrato il 51% di tutti gli arrivi internazionali, pari a 582 milioni di turisti.

Quando Lauterbach twitta dalla sua vacanza in Italia...

Un tweet del ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach, che stava facendo un resoconto della sua vacanza in Toscana, ha provocato irritazione in Italia. Lauterbach ha scritto:

"Qui l'ondata di caldo è impressionante. Se continua così, queste destinazioni turistiche non avranno futuro a lungo termine. Il cambiamento climatico sta distruggendo l'Europa meridionale. Un'epoca sta per finire".

Nel suo tweet, Lauterbach ha fatto riferimento a una mappa meteorologica europea prodotta dalla Helmholtz Climate Initiative.

Gregorio Borgia/AP
Turisti a Roma si rinfrescano all'ingresso del Colosseo, il 18 luglio 2023.Gregorio Borgia/AP

La reazione del Ministro del Turismo italiano Daniela Santanchè non si è fatta attendere: "Ringrazio il Ministro della Salute tedesco per aver scelto l'Italia come destinazione, da sempre meta preferita dai suoi connazionali per le vacanze. Siamo certi che i tedeschi continueranno ad apprezzare le vacanze in Italia", ha detto, aggiungendo che l'Italia è consapevole dei cambiamenti climatici, che non riguardano solo l'Europa meridionale ma l'intero pianeta.

Ancora più fiducioso e ottimista il presidente della Federazione italiana viaggi e turismo Fiavet, Giuseppe Ciminnisi: "Certamente il turismo è cambiato in nome di una maggiore sostenibilità, ma come imprese turistiche organizzate assicuriamo al ministro Karl Lauterbach che se vorrà recarsi più a sud, ad esempio in Sicilia, Puglia, Calabria, farà fatica a trovare posto anche con questo clima caldo".

Il motto dell'Italia: non allarmarsi

"I cambiamenti climatici", ha proseguito Ciminnisi, "non impediranno alle persone di andare al mare, in montagna o al lago, di vivere città che sono patrimonio dell'umanità, di scoprire nuovi luoghi e di provare cibi che non sono disponibili altrove". Da Ulisse in poi, i viaggi nel Mediterraneo sono stati un fattore indispensabile per l'arricchimento umano".

Andrew Medichini/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Touristen warten in der Mittagshitze auf dem Petersplatz, um einen Blick auf Papst Franziskus zu erhaschenAndrew Medichini/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Tuttavia, l'interesse di molti vacanzieri per l'Europa si sta spostando, molto lentamente ma in modo evidente, ha dichiarato il presidente dell'Associazione francese degli agenti di viaggio, Jean-Pierre Mas, in un'intervista a Euronews:

"Quest'estate le destinazioni prescelte dai francesi sono la Grecia, la Spagna e la Tunisia, quindi i tre Paesi più caldi, e le Antille. Sì, c'è stato un aumento del numero di visitatori in Scandinavia, per esempio, e c'è stato un aumento del numero di visitatori nel nord della Francia, o in Alsazia. Questo movimento sarà graduale e non tutto in una volta, non ci sarà un processo brusco. Ma i professionisti del turismo di Paesi come la Spagna, la Grecia e la Tunisia devono essere preparati al fatto che in futuro il numero di visitatori sarà più basso in luglio o agosto e sicuramente più alto in giugno e settembre".

"Estate relativamente buona per Spagna, Grecia e Italia"

Ma c'è un altro motivo molto semplice per cui l'industria turistica dell'Europa meridionale non cade nel pessimismo. Si tratta delle abitudini dei vacanzieri, che spesso prenotano i loro viaggi con mesi di anticipo.

Olivier Ponti della società di consulenza Forward Keys ha spiegato in un'intervista a Euronews: "Penso che la situazione sia incoraggiante per destinazioni come la Spagna, la Grecia e l'Italia, che dovrebbero avere un'estate relativamente buona nonostante tutto". Perché? Perché le prenotazioni per la stagione estiva sono state effettuate nella prima metà dell'anno, quindi gli eventi attuali influenzeranno soprattutto le prenotazioni dell'ultimo minuto, che rappresentano una minoranza delle prenotazioni. Penso quindi che le agenzie di viaggio e i tour operator di queste aree dovrebbero essere in grado di fare buoni affari in estate. Nei luoghi più colpiti, penso a località come Rodi o la Sicilia, la situazione sarà ovviamente più difficile, perché lì si registrano ondate massicce di cancellazioni, semplicemente perché non è possibile fare una vacanza estiva piacevole nelle circostanze attuali".

La prospettiva di un clima estivo più piacevole è piuttosto modesta: "In generale, bisogna prepararsi a un clima ancora più caldo e tendenzialmente più secco", ha dichiarato l'esperto di clima Hans-Martin Füssel dell'Agenzia dell'Unione Europea per l'Ambiente (AEA) a Copenaghen.

Inoltre, molte delle città popolari del sud si stanno riscaldando particolarmente velocemente, tanto che gli stessi abitanti fuggono verso le coste. In estate, le condizioni meteorologiche estreme in Europa durano sempre più a lungo, ha dichiarato Füssel: "Un'ondata di calore non finisce dopo uno, due o tre giorni, ma dura molto più a lungo", oltre ad avere precipitazioni più abbondanti.

Le destinazioni preferite dai tedeschi per le vacanze

L'Ufficio federale di statistica di Wiesbaden ha confermato il 17 luglio 2023 che le destinazioni preferite dai tedeschi per i viaggi all'estero nel 2022 sono Italia (14%), Austria (14%), Spagna (11%), Francia (7%) e Paesi Bassi (7%).

PUBBLICITÀ

Questi cinque Paesi sono le principali destinazioni estere per i viaggiatori tedeschi sia prima che durante e dopo la pandemia. Non ci sono state cancellazioni di massa a causa delle ondate di calore in alcune parti della Spagna e dell'Italia, ha dichiarato l'esperto di viaggi Olivier Ponti in un'intervista a Euronews: "Nelle destinazioni con temperature elevate, non vediamo ondate di cancellazioni, ma un numero significativamente inferiore di nuove prenotazioni. E c'è uno spostamento verso destinazioni che permettono ai visitatori di godersi le vacanze senza dover trascorrere la maggior parte del tempo in stanze con aria condizionata. È importante ricordare che siamo ancora in un periodo di ripresa dopo la crisi COVID. Destinazioni come l'Europa meridionale, l'Italia, la Spagna e la Grecia stanno beneficiando molto della ripresa della domanda di viaggi. Nel caso della Grecia, si prevedono già più visitatori rispetto a prima della pandemia. Nel caso dell'Italia e della Spagna, questi Paesi sono quasi tornati ai livelli pre-pandemia. Il quadro generale è quindi molto positivo per queste destinazioni. Inoltre, la maggior parte dei visitatori sta rispettando le prenotazioni. Penso quindi che la stagione estiva sarà positiva a prescindere dalle ondate di calore, dagli incendi boschivi e dalle piogge. Gli eventi climatici catastrofici che stiamo vivendo influenzeranno soprattutto le prenotazioni last minute, ma non il grosso delle prenotazioni. Quindi penso che dovrebbe essere una buona stagione".

Secondo la European Travel Commission, un'organizzazione non governativa che promuove l'Europa come destinazione di viaggio in tutto il mondo, anche il mercato europeo dei viaggi è sostanzialmente in ripresa. In termini di arrivi di viaggiatori in Europa, quest'anno ha già raggiunto il 95% del livello del 2019.

L'elevata domanda dei consumatori resiste nonostante l'inflazione ostinata e l'aumento dei costi di viaggio. Ciò è dovuto anche ai vacanzieri provenienti dagli Stati Uniti, che stanno beneficiando del tasso di cambio favorevole. Secondo la European Travel Commission, il Portogallo (+79%), la Turchia (+78%) e il Montenegro (+43%) stanno registrando aumenti particolarmente consistenti di turisti provenienti dagli USA.

Armando Franca/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Der Strand von Oeiras nahe Lissabon am 19. Juli 2023Armando Franca/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

In generale, la tendenza è verso i Paesi che si ritiene offrano un buon rapporto qualità-prezzo. Le valutazioni della European Travel Commission (fino a maggio 2023 incluso) hanno mostrato che quattro Paesi in particolare beneficiano di questa reputazione: Serbia (con una crescita del 27% nell'anno in corso), Bulgaria (+21%), Montenegro (+12%) e Turchia (+9%).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ottobre, si prevede un’ondata di caldo in parte dell’Europa dopo il settembre più afoso di sempre

Il caso del deputato "fuggito" alle Maldive e l'eroe (americano) ferito in prima linea

Crisi Mar Rosso, le conseguenze sul trasporto marittimo per il porto di Trieste