EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

A Taormina raddoppia tutto, sposarsi costerà 1.600 euro

De Luca: 'evitiamo secondo dissesto'. Ex sindaco: 'demenziale'
De Luca: 'evitiamo secondo dissesto'. Ex sindaco: 'demenziale'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TAORMINA, 03 AGO - A Taormina raddoppiano tutte le tariffe per i non residenti, anche quelle applicate per chi sceglie la perla dello Jonio come location per il proprio matrimonio: i novelli sposi dovranno sborsare circa 1.600 euro, anziché 800 euro. Una scelta quella di aumentare le spese nuziali che l'ex sindaco Mario Bolognari bolla come "demenziale", ma che Cateno De Luca, alla guida dell'amministrazione, spiega così: "E' vero tutto è raddoppiato come per esempio il biglietto per la funivia, abbiamo dovuto agire così per evitare il secondo dissesto finanziario; il primo da 12 milioni di euro è stato causato proprio da Bolognari, il quale prima di andarsene ha lasciato un buco nel bilancio di altri 5 milioni". Il raddoppio delle tariffe è stato votato dal Consiglio comunale lo scorso 31 luglio. "Dimostrando di avere il senso delle istituzioni le opposizioni si sono astenute, Bolognari invece è andato via prima del voto finale", dice De Luca. Bolognari contesta le nuove tariffe nuziali. "Il provvedimento - afferma - ha valore retroattivo, quindi anche per coloro che avevano sottoscritto un contratto e pagato un servizio. Una misura illogica, vessatoria e probabilmente illegittima - aggiunge Bolognari - Significa che due giovani che desiderano sposarsi a Taormina e non sono residenti devono pagare per una cerimonia che dura circa mezz'ora una cifra spropositata". Per l'ex sindaco "si tratta di incidere su una risorsa economica che porta ricchezza alla città: alberghi, ristoranti, bar". Sono circa 80 i matrimoni di questo tipo e per il 60% riguarda stranieri "che portano a Taormina i loro invitati, con un effetto molto positivo sull'economia locale", prosegue Bolognari per il quale "è sbagliata la decisione di fare cassa con questa misura". "Ma ancor più sbagliato - sostiene - è applicare l'aumento anche a coloro che hanno prenotato e magari hanno già pagato 800 euro per sposarsi da oggi in poi e le prenotazioni sono circa una quarantina fino al 2024. Ora l'ufficio dovrà chiedere l'integrazione di altri 800 euro". Ma il sindaco De Luca minimizza e cita il suo Comune, dove è nato e che ha amministrato in passato: "Sposarsi a Taormina non è la stessa cosa che farlo a Fiumedinisi, con tutto il rispetto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nato: per Stoltenberg l'Occidente deve ridurre le restrizioni sulle armi all'Ucraina

Gaza, Netanyahu alla Knesset: "A Rafah un tragico incidente di cui rammaricarsi"

Le notizie del giorno | 27 maggio - Serale