EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Sicilia in fiamme: venti roghi attivi, case danneggiate e sfollati a Palermo

I vigili del fuoco
I vigili del fuoco Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sono più di venti i roghi attivi in tutta la Sicilia. Le fiamme hanno raggiunto le abitazioni e costretto 1.500 persone a evacuare nella provincia di Palermo

PUBBLICITÀ

Venti forti e temperature estreme persistono in Sicilia. E l'isola brucia da Catania a Palermo. La Protezione civile ha rilevato che da lunedì sono 43 incendi scoppiati, venti dei quali restano attivi.

Le fiamme e il fumo hanno costretto l'aeroporto di Palermo a chiudere per qualche ora, qualche giorno fa la stessa decisione si era resa necessaria all'aeroporto di Catania.

Temperature record e blackout

Lunedì a Catania il termometro ha toccato i 47,6 gradi, una temperatura registrata anche a Priolo, nel siracusano.

Anche a Palermo l'Osservatorio astronomico ha registrato il record per la città, con 46,4gradi, superando i 44,8 raggiunti nel 1999. Nel capoluogo siciliano brucia anche una delle vasche della discarica di Bellolampo e la società  che gestisce la raccolta dei rifiuti, la Rap, ha invitato i cittadini a non portare i rifiuti ai cassonetti, così da alleggerire il lavoro degli addetti impegnati nello spegnimento delle fiamme.

Ai disagi per gli incendi si aggiungono backout, la rete elettrica è in sovraccarico a causa dell'uso dei condizionatori. Un rogo si è sviluppato anche nel Parco minerario di Floristella-Grottacalda, nell'area che ricade nel Comune di Enna, dove la Protezione civile opera insieme a tre squadre arrivate dalla Lombardia.

Case in fiamme ed evacuazioni

Complessivamente sono state 1500 le persone sfollate tra Palermo e provincia e 20 le abitazioni danneggiate dalle fiamme. Nelle operazioni di spegnimento sonostati impiegati centinaia di vigili del fuoco, forestali, la protezione civile, carabinieri e polizia.

L'elenco dei comuni devastati dai roghi, oltre al capoluogo siciliano è lunghissimo: Partinico, Cinisi,Terrasini, Borgetto, Monreale e Cefalù le zone più colpite. A Partinico sono state evacuate altre 70 famiglie e 20 pazienti della comunità  psichiatrica Cristo Pantocratore e 25 boy scout dall'area di ristoro Monte Gradara. Nel corso dell'evacuazione una persona è rimasta ferita

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia "in guerra" contro gli incendi. Evacuate persone da Eubea e Corfù

In Spagna e Portogallo bisonti e cavalli rari per ridurre il rischio di incendi

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni, evacuato carcere Pozzuoli