EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il Pg di Milano non inoltra l'atto di revisione sul caso Erba

L'atto firmato da Tarfusser non sarà depositato a Brescia
L'atto firmato da Tarfusser non sarà depositato a Brescia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 19 LUG - La Procura generale di Milano non ha intenzione di inoltrare alla Corte d'Appello di Brescia l'atto nel quale il sostituto pg Cuno Tarfusser ha proposto la revisione del processo sulla strage di Erba, per la quale sono stati condannati all'ergastolo Olindo Romano e Rosa Bazzi. Tarfusser per le modalità con cui ha lavorato al suo atto è sotto procedimento disciplinare, promosso dalla procuratrice generale milanese Francesca Nanni. La Procura generale, da quanto si è saputo, sta ancora valutando la situazione, ma non ha intenzione di depositare a Brescia l'atto di Tarfusser. Sono stati valutati anche i profili per un'eventuale richiesta di revisione da parte dei vertici della Procura generale, ma allo stato, da quanto si è appreso, non ci sono elementi per un'istanza di questo tipo. La procuratrice generale ha sempre ribadito che ritiene "falso e offensivo" anche nei confronti "dell'Ufficio" sostenere che stia impedendo la revisione del processo. La difesa di Olindo e Rosa, infatti, potrà presentare una propria istanza di revisione a Brescia. La procuratrice generale Francesca Nanni ha, in sostanza, accusato Tarfusser, facendo partire il procedimento disciplinare (è stato già sentito dal pg della Cassazione), di aver violato un regolamento interno, anche rapportandosi in autonomia coi difensori di Olindo e Rosa e acquisendo le loro consulenze difensive, su cui si basa il suo atto. Dal canto suo, Tarfusser fa valere il merito della vicenda, convinto della innocenza di Olindo e Rosa e chiarendo di aver agito nel nome della giustizia. La Procura generale, decidendo di non depositare a Brescia quell'atto presentato da Tarfusser a fine marzo, non dovrà dare comunicazione formale, ma semplicemente non presenterà alcuna istanza di revisione sul caso, perché non ritiene che ci siano elementi. In ipotesi, ad un certo punto lo stesso Tarfusser potrebbe decidere di inviare autonomamente l'atto a Brescia e la Corte a quel punto dovrà valutarne l'ammissibilità. Nel frattempo, la difesa potrebbe presentare la propria istanza, come più volte annunciato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja