EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Commissione europea "fiduciosa" sulle indagini di Atene su Pylos

La commissaria europea agli Affari interni Ylva Johansson sul naufragio di Pylos: "Piena fiducia alle indagini delle autorità greche"
La commissaria europea agli Affari interni Ylva Johansson sul naufragio di Pylos: "Piena fiducia alle indagini delle autorità greche" Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli eurodeputati hanno chiesto una procedura internazionale indipendente, ma Bruxelles si limita ad ammettere la mancanza di competenze in merito. Johansson: "Accadrà di nuovo"

PUBBLICITÀ

La Commissione europea "non è competente per l'avvio di un'indagine internazionale indipendente" sulle responsabilità del naufragio costato la vita ad almeno 600 persone al largo delle coste di Pylos. Questa risposta della commissaria europea per gli Affari interni Ylva Johansson smorza le speranze dei deputati del Parlamento europeo che pretendono un'esame indipendente sulla tragedia dello scorso 14 giugno avvenuta in acque internazionali a 47 miglia dalle coste greche.

In audizione alla commissione Libertà civili del Parlamento europeo Johansson ha invitato i legislatori ad avere fiducia nelle indagini delle autorità di Atene, le stesse che secondo quanto lasciano intendere alcuni analisti che hanno osservato i movimenti delle navi circostanti e le testimonianze dei sopravvissuti al naufragio, sarebbero sospettate di aver contribuito a causare la tragedia.

"Forse 600 persone" sono annegate e "circa" 110 sono state salvate, ha dichiarato la commissaria europea per gli Affari interni ai deputati, sulla base delle informazioni fornite dalle autorità greche. Il peschereccio, ha affermato, era stato apparentemente utilizzato da trafficanti che dall'Egitto sono salpati verso la Libia per raccogliere 750 persone.

Un aereo e poi un drone utilizzato dall'Agenzia di frontiera e costiera dell'Ue Frontex sono stati dirottati per sorvolare l'imbarcazione, ha dichiarato il direttore generale Hans Leijtens durante la stessa audizione. Il drone, che si è allontanato per osservare un'altra imbarcazione di migranti a due ore di distanza, è successivamente tornato sul luogo del peschereccio, che a quel punto era già affondato.

"Ci siamo offerti di aiutare, ma le autorità greche non hanno risposto", ha detto Leijtens.

Il governo greco nega qualsiasi responsabilità e ha aperto due indagini, una sui trafficanti, considerati da Atene i soli responsabili della tragedia, e l'altra sull'operato della guardia costiera.

Johansson ha sottolineato che la Commissione non ha i poteri per condurre una propria indagine, né per istituire un organismo di ricerca e salvataggio marittimo a livello europeo ed evitare altre stragi. Pur riconoscendo che ci sono "molte domande senza risposta" sulla tragedia, "è responsabilità degli Stati membri indagare su questo tipo di cose", ha detto. E "dobbiamo renderci conto che non stiamo facendo abbastanza: purtroppo questo accadrà di nuovo", ha ammesso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Mediatore europeo apre un'inchiesta sul ruolo di Frontex nel naufragio di Pylos

Deputata romena con la museruola cacciata dal Parlamento Ue prima di voto per von der Leyen

Patrioti per l'Europa: le reazioni italiane alla creazione della nuova alleanza