EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cala la tensione, ma rimane la paura attorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Una vista della centrale nucleare di Zaporizhzhia nell'Ucraina meridionale, il 15 giugno 2023.
Una vista della centrale nucleare di Zaporizhzhia nell'Ucraina meridionale, il 15 giugno 2023. Diritti d'autore OLGA MALTSEVA/AFP or licensors
Diritti d'autore OLGA MALTSEVA/AFP or licensors
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo la paura di un attacco russo nei giorni scorsi, deducibile da presunti ordigni trovati sul tetto della centrale, l'intelligence ucraina afferma che “i rischi di attentato a Zaporizhzhia stanno diminuendo”

PUBBLICITÀ

Prima il ritiro delle truppe e del personale di Mosca. Poi alcuni oggetti, non meglio identificati, ripresi sul tetto di un reattore. L'attacco della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, secondo i servizi ucraini, sarebbe dovuto essere questione di tempo. Ma nell'ultime ore, l'allarme sembra per ora rientrato.

"Stiamo conducendo azioni d'intelligence in questo settore, alcune delle quali riservate, e penso che ora il pericolo di un disastro provocato intenzionalmente alla centrale nucleare stia lentamente diminuendo", ha affermatoil capo dell'intelligence militare ucraina, Kyrylo Budanov, in un'intervista al quotidiano britannico The Times. 

Accuse incrociate

Attorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, per lungo tempo in mano alle milizie russe, si sono manifestate paure, reminescenze e tensioni come forse in nessun altro luogo dell'Ucraina. Anche per questi motivi, dunque, la litania di accuse incrociate tra Mosca e Kiev è stata particolarmente intensa. 

L'ultima ruota attorno a dei presunti ordigni posizionati sui reattori della più grande centrale nucleare d'Europa. "La risoluzione dell'immagine non permette di capire esattamente la natura dei nuovi oggetti apparsi sul tetto dell'unità 4, ma non sono stati mai visti prima in nessun'altra immagine satellitare", spiegano da Planet Labs, società pubblica americana di imaging terrestre con sede a San Francisco, che ha scattato le immagini. 

Secondo l'Ucraina, il piano della Russia era quello di far saltare la centrale e accusare poi l'avversario: "Ho avvertito Emmanuel Macron che le truppe di occupazione stanno preparando pericolose provocazioni alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Abbiamo concordato di tenere la situazione sotto il massimo controllo insieme all'Aiea", aveva detto il presidente ucraino Volodymir Zelensky durante un colloquio con il presidente francese Macron.

Al contrario, secondo Renat Karchaa, consigliere del direttore generale della russa Rosenergoatom, citato dalla Tass, "Le forze armate ucraine cercheranno di attaccare la centrale nucleare di Zaporizhzhia nella notte del 5 luglio, sganciando su di essa munizioni con scorie radioattive rimosse il 3 luglio da un'altra centrale nucleare ucraina, quella meridionale". 

La vita continua

Nella regione circostante la centrale, ancora sotto controllo ucraino, gli abitanti, addestrati periodicamente a un'eventuale evacuazione, cercano di mantenere la calma, consci delle conseguenze che un'esplosione potrebbe avere. 

"In caso di tale emergenza, saranno attivati i piani di risposta pertinenti che sono già stati preparati e testati", spiega Oleksiy Arnautov, capo del centro educativo e metodico della protezione civile e della sicurezza della vita della regione di Zaporizhzhia. "Tra l'altro, li abbiamo provati di nuovo la scorsa settimana. Le unità del servizio saranno coinvolte nella decontaminazione delle persone e delle attrezzature".

"Crediamo che tutto sia possibile. Non si può scherzare. Non sappiamo cosa aspettarci da queste persone che hanno invaso la nostra terra. Potrebbero avere in mente qualsiasi cosa. Quindi sì, crediamo che la minaccia sia reale", afferma Valery Golovan, poliziotto. 

"Se dovessero far esplodere la centrale nucleare la catastrofe si ripercuoterebbe sulla Russia e su mezza Europa. Chernobyl non è nulla rispetto alla nostra centrale nucleare", prosegue Natalia Fedosh, evacuata da Energodar

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina e Russia iniziano un'esercitazione congiunta nell'Oceano Pacifico

Europa, continua il caldo record in Romania e fino a 42 gradi in Italia

La Russia rimuove boe di confine con l'Estonia sul fiume Narva: Tallin propone indagine congiunta