EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Scambio di accuse tra russi e ucraini sulla centrale di Zaporizhzhia

Sasha Vakulina presenta la mappa della guerra
Sasha Vakulina presenta la mappa della guerra Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Oleksandra Vakulina
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo Kiev, i russi avrebbero piazzato ordigni su due dei sei reattori della centrale nucleare più grande d'Europa

PUBBLICITÀ

I funzionari russi e ucraini hanno intensificato gli scambi di accuse sulla situazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP).

L'Institute for the Study of Wa afferma che "la Russia si concentra probabilmente nell'accusare l'Ucraina di azioni irresponsabili intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, tra cui la creazione di condizioni per un possibile attacco sotto falsa bandiera.

La centrale nucleare di Zaporizhzhia è sotto il controllo russo fin dai primi giorni dell'invasione su larga scala nel 2022. Da allora tutti e sei i reattori sono stati spenti.

Le Forze armate ucraine avvertono ora di una "possibile provocazione nel imminente futuro" nel territorio della centrale, affermando che "oggetti simili a ordigni esplosivi sono stati collocati sul tetto esterno del terzo e quarto reattore dell'impianto".

Pochi giorni prima, la direzione dell'intelligence militare ucraina aveva affermato che Mosca aveva approvato un piano per far esplodere la centrale e aveva minato quattro dei sei reattori, oltre al bacino di raffreddamento. L'ISW afferma che: "È improbabile che la Russia generi un incidente alla ZNPP in questo momento".

Il think tank ribadisce che "è improbabile che un limitato sabotaggio russo alla centrale, con la Russia che incolperebbe l'Ucraina, sia in grado di generare un massiccio incidente nucleare, poiché i reattori sono stati costruiti per resistere a danni considerevoli".

Nell'ottobre dello scorso anno, il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva previsto che la Russia avrebbe distrutto la diga di Kakhovka, nella regione di Kherson.

Ora, Zelensky e altri alti funzionari ucraini hanno intensificato gli avvertimenti: le forze russe hanno in programma di sabotare la centrale nucleare di Zaporizhzhia, il più grande impianto di questo tipo in Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Danni immani un mese dopo la distruzione la diga di Kakhovka: i residenti si sentono abbandonati

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky

Ucraina: gli attacchi di Mosca nella settimana delle conferenze di ricostruzione e pace