EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cecenia: pestaggio di una giornalista dei diritti umani e di un avvocato

La giornalista Elena Milashina con Michelle Obama e John Kerry
La giornalista Elena Milashina con Michelle Obama e John Kerry Diritti d'autore Manuel Balce Ceneta/AP
Diritti d'autore Manuel Balce Ceneta/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Brutalmente aggrediti in Cecenia, la giornalista russa Milashina e l'avvocato Nemov si trovano ricoverati a Grozny

PUBBLICITÀ

Picchiati, presi a calci anche in faccia, minacciati con un'arma da fuoco puntata alla testa. E l'epilogo poteva essere ben peggiore per la giornalista investigativa russa Elena Milashina e l'avvocato Alexander Nemov, brutalmente aggrediti in Cecenia.

I due si trovavano nella repubblica della Federazione Russa per assistere alla condanna di Zarema Musayeva, la madre di tre esuli oppositori del leader ceceno Ramzan Kadyrov. 

Nemov e Milashina, che da molti anni si occupa della violazione dei diritti umani in Cecenia, sono in ospedale a Grozny.
Gli aggressori hanno portato via e distrutto il materiale di lavoro della giornalista.

Il giornale di Milashina, Novaya Gazeta, la principale pubblicazione indipendente della Russia, ha confermato l'incidente.

Novaja Gazeta, il cui caporedattore Dmitrij Muratov ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2021, dal 2000 ha visto 6 dei suoi giornalisti e collaboratori uccisi, tra cui la giornalista investigativa Anna Politkovskaja.

Concentrandosi sulle violazioni dei diritti in Cecenia, Milashina ha seguito le orme di Politkovskaja, feroce critica della politica del Cremlino in Cecenia, ucciso nel 2006.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cecenia, Europarlamento chiede indagini su torture a detenuti LGBT

In Russia la riunione dei ministri degli Esteri Brics, Lavrov: in aumento ruolo globale del gruppo

Russia, in manette un francese accusato di non essersi dichiarato "agente straniero"