"Made in Italy" cinese, maxi sequestro della GdF nel Napoletano

Oltre 115 milioni di articoli: 2 imprenditori cinesi denunciati
Oltre 115 milioni di articoli: 2 imprenditori cinesi denunciati
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 17 MAG - Un opificio abusivo ampio oltre mille metri quadrati, circa 115 milioni di articoli, capi di abbigliamento recanti la falsa dicitura "Made in Italy", 1.120 km di stoffa e 6 tonnellate di rifiuti speciali sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli a San Giuseppe Vesuviano, nel Napoletano. I finanzieri di Ottaviano hanno riscontrato la presenza di sette lavoratori "in nero", di cui tre bengalesi clandestini e denunciato due imprenditori cinesi. Entrando nello specifico, oltre al fabbricato di oltre 1.000 mq, i militari hanno sottoposto a sequestro 115.900.100 accessori per la produzione di capi d'abbigliamento, 1.120 Km. di stoffa in rotoli, 142.800 cartellini con indicazione "Made in Italy" e 116.000 metri di elastici per capi di abbigliamento. Più di 180 mila sono risultati i capi di abbigliamento già assemblati e, dunque, sottoposti a sequestro: gli stessi erano pronti per essere immessi sul mercato, privi di qualsiasi documentazione originale attestante la legittima provenienza e a garantirne tracciabilità e qualità. I restanti prodotti erano, invece, in via di confezionamento. Oltre a una performante linea di produzione, sono stati sequestrati anche gli scarti di lavorazione, pari a oltre 6.000 kg. di rifiuti speciali, che sarebbero stati illegalmente smaltiti. I due imprenditori sono stati denunciati dalle fiamme gialle per i reati di produzione e vendita di prodotti industriali con segni mendaci, ricettazione, sfruttamento dell'immigrazione e del lavoro "nero" e mancato rispetto delle norme in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro e della gestione dei rifiuti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, "intesa" sui punti principali per un cessate il fuoco, ma Netanayahu non arretra su Rafah

L'Ue cerca nuove rotte commerciali dalla Cina: il Corridoio di mezzo attraverserà Caucaso e Turchia

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"