Un centinaio a Predappio alla commemorazione morte Mussolini

Corteo per le vie cittadine e visita alla cripta di famiglia
Corteo per le vie cittadine e visita alla cripta di famiglia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PREDAPPIO, 30 APR - Sono stati non più di un centinaio, i 'nostalgici' che si sono dati appuntamento a Predappio per commemorare - come avviene tradizionalmente ogni anno nell'ultima domenica di aprile - la morte di Benito Mussolini, avvenuta il 28 aprile del 1945. Intorno alle 10.30 si sono mossi in corteo, partendo dalla piazza antistante la chiesa di Sant'Antonio, per percorrere i due chilometri scarsi che la separano dal cimitero di San Cassiano, dove si trova la cripta della famiglia Mussolini. Ad accogliere i partecipanti davanti al camposanto le sorelle Orsola e Vittoria Mussolini, pronipoti di Vittorio Mussolini, primogenito del Duce. A loro Orsola si è rivolta dicendo, "siamo qui per commemorare i nostri morti che ci furono anche dopo che le armi avrebbero dovuto tacere". Per la prima volta la manifestazione ha avuto una organizzazione al femminile visto che non è stata preparata come di consueto da Mirco Santarelli, ex responsabile degli Arditi d'Italia di Ravenna, ma da Angela Di Marcello. Prima della sfilata alla cripta da parte dei 'nostalgici' - atto conclusivo della manifestazione - è stato osservato un minuto di silenzio, sono state lette due orazioni - la 'Preghiera del Legionario' e la 'Preghiera dell'Ausiliaria' -ed è risuonato il 'Presente'. con l'invito di Orsola Mussolini a non fare il saluto romano ma a mettere una mano sul cuore. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Romania: a Pitești la festa dei tulipani

Stati Uniti: la Camera approva la legge contro TikTok, l'app potrebbe essere vietata

Morti e feriti per i combattimenti in Cisgiordania, nuovi bombardamenti su Rafah