EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ucraina: Zunino, 'non ci siamo mai esposti a rischi gratuiti'

Il giornalista ferito a Kherson, 'i russi sparano a tutti'
Il giornalista ferito a Kherson, 'i russi sparano a tutti'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Non capisco come sia stato possibile. La macchina l'avevamo lasciata nella rampa di accesso al ponte. Io ho un giubbotto blu con scritto molto in grande press e i due militari ucraini che ci hanno detto di andare via avevano capito che eravamo giornalisti. Ma i russi sparano su qualunque cosa, hanno sparato su dottori e ora sparano sulla stampa. Ho perso il conto di giornalisti e fotografi scomparsi o morti". Così a 'The breakfast club' su Radio Capital Corrado Zunino, il giornalista di Repubblica ferito ieri a Kherson (Ucraina) racconta l'attacco subito nel quale è morto il suo collaboratore Bogdan Bitik. "Non ci siamo mai esposti - spiega Zunino - a rischi gratuiti. Non c'era un'atmosfera di guerra, su quel ponte c'era silenzio. Ora sono in un ospedale militare al sud del paese, ho 4 ferite lievi. Ma tra poche ore può avviarsi il trasferimento per il mio rientro in Italia". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni

Iran in lutto per la morte di Raisi: migliaia di cittadini piangono il Presidente

49 dipendenti dei Musei contro il Vaticano per le condizioni di lavoro