Meloni a Londra, stampa Gb evoca asse con Sunak sui migranti

Spectator, 'Londra, Roma e Paesi dell'est smuovano l'Europa'
Spectator, 'Londra, Roma e Paesi dell'est smuovano l'Europa'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LONDRA, 27 APR - Un asse fra Giorgia Meloni e Rishi Sunak, leader conservatori quarantenni freschi di leadership, per promuovere linea di maggior rigore contro "l'immigrazione illegale" e i traffici degli scafisti, che si muovono sia sulla rotta del Mediterraneo verso le coste dell'Italia sia su quelle della Manica (con livelli di sbarchi record nel 2022) tra Francia e Inghilterra. E' l'auspicio indicato questa settimana dalla Spectator, storico settimanale d'orientamento Tory, fra le letture dei media d'Oltremanica della visita al via a Londra della presidente del Consiglio, ospite oggi al 10 di Downing Street del primo ministro britannico. In un'analisi affidata alla penna di Gavin Mortimer, si evoca la speranza di una unità d'azione fra Giorgia e Rishi per "affrontare la crisi dei migranti in Europa": dossier al centro delle agende di entrambi i rispettivi governi, fra progetti di legge, iniziative politiche multilaterali, promesse di strette e polemiche.Mentre giustifica l'atteggiamento di Meloni e Sunak di fronte a un'emergenza che richiede a suo parere più cooperazione internazionale. Una cooperazione - scrive . che Sunak ha provato a rafforzare tramite un accordo con la Francia, dove tuttavia il presidente Emmanuel Macron non sarebbe davvero in sintonia con l'esigenza di un giro di vite concreto. E che Meloni chiede in sede Ue salvo dover fare i conti, stando al commentatore britannico, con le resistenze attribuite "ai burocrati dell'apparato" di Bruxelles e le resistenze di un fronte guidato "dall'oligarchia Germania-Francia". Resistenze che nell'interpretazione dello Spectator si rifletterebbero del resto come un freno anche su altri temi: da un maggiore allineamento agli Usa nei confronti della Cina, a una risposta più dura sulla guerra in Ucraina, alla politica energetica. Si tratta di prendere di petto - è la conclusione polemica - "l'incompetenza e la codardia mostrata da Berlino, Parigi e Bruxelles su tutto, della politica energetica, alla Russia, all'immigrazione di massa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: la Russia consolida le posizioni intorno ad Avdiivka

Spagna: indagato per terrorismo l'indipendentista Carles Puigdemont

Le notizie del giorno | 29 febbraio - Serale