The Cube: due ex comandanti del gruppo Wagner confessano l'omicidio di bambini e civili

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore from Euronews video
Di Redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Entrambi hanno rilasciato interviste ad un attivista per i diritti umani in esilio, che gestisce il sito web Gulagu.net e prende di mira la corruzione e la tortura in Russia

PUBBLICITÀ

Due ex detenuti russi che affermano di aver servito come comandanti del gruppo mercenario Wagner hanno confessato di aver ucciso bambini e civili in Ucraina.

Entrambi hanno rilasciato interviste ad un attivista per i diritti umani in esilio, che gestisce il sito web Gulagu.net e prende di mira la corruzione e la tortura in Russia.

Azamat Uldarov e Alexey Savichev - entrambi graziati dai decreti presidenziali russi lo scorso anno, secondo il sito web Gulagu.net - descrivono le loro azioni in Ucraina dall'inizio dell'invasione russa.

Euronews non ha potuto verificare in modo indipendente le affermazioni avanzate dai due uomini.

Entrambi affermano di aver deciso di farsi avanti con queste accuse a causa di sensi di colpa.

I comandanti affermano di aver ricevuto l'ordine di uccidere chiunque si trovasse sulla loro strada dal capo del gruppo Wagner, Evgeniy Prigozhin.

Di fronte a queste affermazioni, l'ufficio stampa di Prigozhin ha rilasciato questa dichiarazione su Telegram: "Per quanto riguarda l'esecuzione di bambini, ovviamente, nessuno spara mai a civili o bambini, nessuno ne ha bisogno".

Il video ha suscitato scalpore sui social media e molti politici hanno reagito.

Il capo dell'ufficio presidenziale ucraino ha twittato dicendo: "I terroristi russi hanno confessato numerosi omicidi di bambini ucraini a Bakhmut e Soledar.

La confessione non è sufficiente, ci deve essere una punizione dura e giusta".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ci sarà davvero la controffensiva ucraina?

The Cube: utenti social condividono un video su Twitter, sostenendo che la guerra sia un falso

Il telegiornale virtuale del Kuwait