EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

TheCube: ecco chi è la donna russa che ha diffuso disinformazione sulla guerra in Ucraina

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore from Euronews video
Diritti d'autore from Euronews video
Di Redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In realtà, la persona dietro questo account pro-Cremlino risulta essere una donna americana di 37 anni, di nome Sarah Bils

PUBBLICITÀ

Per i suoi seguaci, la persona dietro questo account chiamata "Donbas Devushka" - o Donbas Girl - è una donna russa della città occupata di Luhansk che ha attivamente diffuso disinformazione sulla guerra in Ucraina.

Ma in realtà, la persona dietro questo account pro-Cremlino risulta essere una donna americana di 37 anni, di nome Sarah Bils.

È un'ex sottufficiale della Marina degli Stati Uniti che è stata recentemente allontanata dal servizio attivo e ha sede nello stato di Washington.

È stata smascherata per la prima volta da attivisti dell'Intelligence open source filo-ucraina, noti come Nafo.

Sarah Bils ha creato un seguito sui social di oltre 130.000 persone (su Twitter, Telegram e YouTube), raccogliendo fondi e deridendo la morte di soldati ucraini sui suoi profili.

Sui social, Donbass Devushka ha inoltre pubblicato foto di se stessa, affermando di chiamarsi Mila Medvedev e di parlare con un accento russo forzato durante i suoi podcast.

Ha anche svolto un ruolo chiave nella diffusione dei documenti del Pentagono recentemente trapelati, secondo il Wall Street Journal.

Il tecnico della US Air National Guard, Jack Teixeira, è stato accusato venerdì scorso di aver divulgato documenti riservati: ora rischia 15 anni di carcere.

Sarah Bils ha detto al Wall Street Journal che non ha aiutato a far trapelare i documenti: tuttavia, ecco uno screenshot dal suo profilo che mostra i file trapelati.

Il Journal ha anche notato che i documenti pubblicati sul suo canale erano versioni alterate degli originali, che modificavano il numero di morti per far sembrare che la Russia stesse perdendo meno di quanto non fosse in realtà.

Sarah Bils ha ammesso al Journal di essere l'amministratore degli account di Donbas Devushka, affermando però che non era sola e che c'erano 15 persone coinvolte nella gestione della rete.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Commissione europea teme la disinformazione russa

Il telegiornale virtuale del Kuwait

Documenti segreti, perchè il Pentagono non si è accorto della fuga di notizie?