EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

In Irpinia 5 candidati sindaci per 275 abitanti

A Cairano le liste dei 'furbetti del congedo',nessuno li conosce
A Cairano le liste dei 'furbetti del congedo',nessuno li conosce
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(di Norberto Vitale) (ANSA) - CAIRANO (AVELLINO), 15 APR - "Leonetti chi"? I 275 abitanti di Cairano - Irpinia d'Oriente, borgo arroccato su una rupe a quasi ottocento metri d'altezza - questo candidato sindaco 'Leonetti Francesco', che si propone di governare il Comune per i prossimi cinque anni, non l'hanno mai visto nè sentito. Stesso discorso per gli altri due aspiranti primi cittadini, Simone Fiume e Gennaro Marchesano, atterrati soltanto virtualmente su quest'angolo della provincia di Avellino, considerato un modello di sostenibilità a livello nazionale. Fiume è alla testa della lista "L'Altra Italia"; Marchesano "La mia Città", mentre Leonetti punta su un più convincente "Uniti si Vince". Ma ad essere uniti sono soprattutto loro, che - dicono in paese - "non si preoccupano del benessere di Cairano, ma del proprio". Il riferimento è ai trenta giorni di permesso retribuito che una legge del 1981 configura come "aspettativa speciale" per tutta la durata della campagna elettorale. Una legge pensata in particolare per consentire agli appartenenti delle forze dell'ordine di esercitare il diritto costituzionale all'attività politica. Secondo le "indagini" di Luigi D'Angelis, sindaco uscente, Leonetti, Fiume e Marchesano e i trenta candidati consiglieri che li accompagnano, dieci per ogni lista, in perfetto equilibrio di genere, sarebbero appartenenti a diverse forze di polizia e alla polizia penitenziaria provenienti da Napoli, Caserta, dalla Puglia e persino dalla Sicilia. Le liste da loro presentate sono formalmente corrette, nessuna sbavatura burocratica o possibilità di contestazioni. Inoltre, non essendo contemplato nei comuni con meno di cinquemila abitanti l'obbligo di raccogliere le firme per depositare le liste, il gioco è ancor più facile. Ma D'Angelis, che dopo tre mandati consecutivi si presenta come consigliere della lista "Democrazia e Sviluppo" a sostegno della candidata sindaco Maria Antonietta Russo, opposta a "Costruiamo il Futuro" guidata da Giuseppe Frieri, non ci sta e chiede interventi legislativi per modificare una legge che produce simili storture. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue

La Borsa di Mosca abbandona il dollaro e l'euro: la Russia risponde alle sanzioni Usa

In Qatar fioriscono le iniziative a chilometro zero