Processo Grillo: amico presunta vittima conferma lo stupro

Nona udienza a porte chiuse in tribunale a Tempio Pausania
Nona udienza a porte chiuse in tribunale a Tempio Pausania
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 12 APR - Ha confermato in aula, sentito come teste, quanto aveva dichiarato nel corso delle indagini preliminari Alex Cerato, amico d'infanzia della giovane italo-norvegese che accusa Ciro Grillo e tre suoi amici di violenza sessuale di gruppo. Durante la deposizione in aula nel Tribunale di Tempio Pausania, ancora in corso e a porte chiuse - secondo fonti legali - il testimone ha riconfermato il racconto che l'amica gli aveva fatto due giorni dopo la presunta violenza avvenuta nella notte tra il 16 e il 17 luglio del 2019, dopo una serata in discoteca, nella villetta di proprietà di Beppe Grillo a Porto Cervo. Cerato davanti al procuratore Gregorio Capasso ha ripercorso sia le ore precedenti la presunta violenza sessuale, sia le giornate successive nelle quali avrebbe avuto modo di raccogliere le confidenze dell'amica. I due si erano incontrati dopo quanto accaduto nell'azienda agricola di proprietà del nonno di Cerato, a San Pantaleo - località turistica vicina a Porto Cervo - e qui la ragazza avrebbe parlato della nottata trascorsa nella villetta di Grillo. È stata, invece, rinviata al 12 maggio la deposizione della psicologa in calendario per oggi. Il 29 maggio, inoltre, verrà sentito un altro consulente dell'accusa, un tecnico informatico. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese