EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Germania, gli ultimi tre reattori nucleari verso la chiusura

Il reattore di Isar 2.
Il reattore di Isar 2. Diritti d'autore Armin Weigel/(c) Copyright 2023, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten
Diritti d'autore Armin Weigel/(c) Copyright 2023, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten
Di Euronews con Ansa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Berlino si prepara così a dare l'addio definitivo al nucleare.

PUBBLICITÀ

Le ultime tre centrali nucleari tedesche, la cui durata di vita era stata eccezionalmente prolungata per affrontare la crisi energetica, si spegneranno questo sabato. Le ultime centrali atomiche tedesche Isar 2, Emsland e Neckarwestheim 2 smetteranno dunque di fornire energia a Berlino, che dipenderà dunque soprattutto da gas e energie rinnovabili, che dovrebbero fornire circa l'80% del fabbisogno nel 2030.

Il vicecancelliere e ministro dell'Economia, Robert Habeck dei Verdi, ha difeso la misura e definito irreversibile lo smantellamento completo delle centrali. "La sicurezza dell'approvvigionamento energetico in Germania è stata garantita durante questo difficile inverno e continuerà ad esserlo" ha assicurato Habeck in un'intervista.

Le aziende temono nuovi rincari

Gli industriali però allertano sui rischi dell'abbandono del nucleare in un momento di forte insicurezza energetica, causata dall'instabilità geopolitica. Il presidente della Dihk, l'associazione delle Camere di commercio e dell'industria tedesca, Peter Adrian, ha messo in guardia dalle possibili nuove strozzature nell'approvvigionamento energetico in Germania. "Dobbiamo continuare a fare tutto il possibile per espandere l'offerta di energia e non limitarla ulteriormente in nessun caso", ha detto Adrian al Rheinische Post.

Secondo altri, la rinuncia al nucleare avrà effetti negativi anche sul clima. Il vicepresidente del gruppo conservatore e ex-ministro della Sanità Jens Spahn ha dichiarato che "sabato sarà un brutto giorno per la lotta al cambiamento climatico". 

Le operazioni di smantellamento costeranno circa 23 miliardi di euro alla Germania.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Conto alla rovescia: la Germania spegne le ultime tre centrali nucleari

Energia: in Germania l'ultimo inverno delle centrali a carbone

Berlino punta sull'energia geotermica. Una fonte green per non dipendere dal gas russo