EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Riforma delle pensioni. Non si spegne la protesta francese

Incidenti in diverse città francesi. Il Ministero dell'interno francese riporta centinaia di fermi e di agenti feriti
Incidenti in diverse città francesi. Il Ministero dell'interno francese riporta centinaia di fermi e di agenti feriti Diritti d'autore ALAIN JOCARD/AFP or licensors
Diritti d'autore ALAIN JOCARD/AFP or licensors
Di Anelise BorgesEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Francia in piazza contro la riforma delle pensioni. Proteste e scontri in tutte le principali città. Il Ministero dell'interno: "Partecipazione in calo". Nuova mobilitazione in programma alla vigilia del pronunciamento del Consiglio costituzionale, che potrebbe cancellare la riforma

Francia ancora in piazza: numeri in calo e incidenti in tutto il Paese

PUBBLICITÀ

Per tutta la giornata di giovedì, nelle principali città francesi si è tornato ancora a manifestare  contro la riforma del sistema pensionistico voluta dal presidente Macron: quasi due milioni, secondo gli organizzatori, poco più di un quarto - 570 000 - in base invece alle cifre del Ministero dell'interno, che stima quindi un calo della partecipazione rispetto all'ultima giornata di mobilitazione del 28 marzo. 

I manifestanti non si arrendono: "Avanti tutta con le proteste"

"La riforma prevede tra l'altro di innalzare l'età pensionabile da 62 a 64 anni - ricorda l'inviata di euronews, Anelise Borges -. A Parigi l'undicesima giornata di mobilitazione è iniziata sotto gli uffici del più grande gestore patrimoniale del mondo, Black Rocks. Segno, secondo i manifestanti, di una nuova strategia e di una rinnovata determinazione per indurre alla marcia indietro il governo francese".

ALAIN JOCARD/AFP or licensors
Nel mirino del gioco di parole dei manifestanti, la Ministra dell'interno Elisabeth Borne, che ha portato avanti la riformaALAIN JOCARD/AFP or licensors

"Una riforma incomprensibile. Macron si sta affossando da solo"

"È un braccio di ferro - dice una di loro -. Il problema è che non sappiamo il vero perché di questa riforma. È ingiustificata, non ha una vera ragione d'essere. Ed è anche aneddotica sul piano contabile, per farne la pietra angolare del mandato presidenziale. Così facendo, Macron si è impelagato in una battaglia per lui persa in partenza. La rabbia che ha sollevato ormai non riguarda più solo la riforma, ma anche il processo antidemocratico, la repressione. Si spinge ogni giorno oltre e questa rabbia non si spegnerà. No, non si spegnerà."

Fermi e feriti: scontri in diverse città francesi

Numerosi gli episodi di violenza che si sono registrati in diverse città, con un bilancio che le stesse fonti stimano in 111 fermi e 154 agenti feriti. "La rabbia dei manifestanti è apparsa chiara in occasione degli scontri fra manifestanti e polizia - commenta Anelise Borges - Già a fine giornata il bollettino degli incidenti lasciava intendere che questa battaglia sociale è da considerarsi tutt'altro che conclusa". 

CHARLY TRIBALLEAU/AFP or licensors
111 fermi e 154 agenti feriti il bollettino diffuso a fine giornata dal Ministero dell'interno franceseCHARLY TRIBALLEAU/AFP or licensors

Nuova mobilitazione alla vigilia del pronunciamento del Consiglio costituzionale francese

Incidenti e flessione della partecipazione che non hanno infatti scoraggiano i sindacati promotori a dare però già appuntamento per una nuova serie di manifestazioni. La data scelta, giovedì prossimo, non è casuale e coincide con la vigilia del pronunciamento del Consiglio costituzionale francese, che potrebbe cancellare parte o totalità della riforma. "Una tappa cruciale - ricorda ancora Anelise Borges - perché proprio questa è la condizione posta dai manifestanti per tornare al lavoro e riportare la calma nelle strade francesi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste pro-Gaza: le università si mobilitano in numerose città di tutto il mondo

Parigi: la polizia sgombera un'altra tendopoli di migranti vicino al municipio, protestano le Ong

Parigi: crollano le pale dell'iconico Moulin Rouge, nessun ferito