EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La nuova luce di Fukushima che rinasce a 12 anni dal disastro

La nuova luce di Fukushima che rinasce a 12 anni dal disastro
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Cristina GinerEuronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Fukushima rialza la testa 12 anni dopo l'incidente e, grazie a un grande lavoro di rilancio turistico, si propone come nuova meta, accattivante e soprattutto sicura

PUBBLICITÀ

12 anni dopo l'incidente di Fukushima, gli abitanti di questa regione continuano a lavorare con determinazione per rilanciare il turismo e mantenere vive le loro tradizioni ancestrali.

Siamo sulla spiaggia di Iwasawa che si trova a 20 km dalla centrale nucleare; un tempo era una mecca del surf. La spiaggia è stata riaperta l'anno scorso. Le sue belle onde e le  mareggiate stanno riportando i surfisti locali. Il surfista Kentaro Yoshida Kentaro Yoshida è uno di loro. È cresciuto tra queste onde. E ora  gestisce l'hotel di famiglia nelle vicinanze. La sua speranza per l'azienda è quella di riportare il surf nella zona.

Le autorità municipali effettuano controlli settimanali sull'acqua. I dati ufficiali mostrano livelli di radiazioni prossimi allo zero. Nei prossimi mesi l'acqua della centrale nucleare - filtrata da un sistema chiamato ALPS - sarà scaricata nell'Oceano Pacifico. Alcuni esperti e abitanti del luogo hanno sollevato obiezioni ma i surfisti seguono con attenzione i dati.

Onestamente, ho qualche preoccupazione. Tuttavia, non sono contrario alla decisione di scaricare l'acqua trattata perché l'acqua sarà diluita a un quarantesimo dello standard nazionale prima di essere rilasciata, e il governo ha già annunciato che non sarà dannosa per la salute.
Kentaro Yoshida
surfista e albergatore

La passione dei surfisti

I surfisti locali sono fortemente coinvolti nelle attività di pulizia e nella ricostruzione della spiaggia. Immaginano un futuro più luminoso per il loro posto del cuore. Kentaro e i suoi colleghi puntano molto sul surf:

"Vorrei far rivivere la "Naraha Town Mayor's cup" , una gara di surf che è durata 25 anni fino al terremoto. Inoltre - continua Yoshida -  lo scarico dell'acqua trattata potrebbe causare danni di immagine, quindi, per evitarlo, dobbiamo sottolineare il fatto che il mare è sicuro.

L'arte della ceramica

Ci spostiamo nella città montana di Shirakawa. Visitiamo un laboratorio di ceramica con pezzi unici. Appartiene a Shinichi Yamada. Questo genere di  manufatti è nato 350 anni fa a Soma, una delle zone più colpite. Il laboratorio di Shinichi si trovava a pochi chilometri dalla centrale nucleare. Come altri artigiani, è stato costretto a trasferirsi e a ricominciare da capo, mantenendo viva una tradizione ancestrale:

Dopo il terremoto, mi sono reso conto dell'importanza di Obori SomaYaki e del fatto che i prodotti di Soma sono un tesoro della Prefettura di Fukushima. Credo che questa sia un'industria che dovrebbe essere tramandata.
Yamada Shinichi
artista ceramista

Il suo è un negozio molto frequentato dai locali e dai turisti per fare acquisti ma anche per prendere lezioni di artigianato. Obori SomaYaki è famoso per le sue caratteristiche "crepe blu" nello smalto. Quando il forno viene aperto, lo smalto si crepa e produce un suono bellissimo. Per questo motivo è nota anche come "ceramica che canta".

Alcuni artigiani sono già tornati nell'area di Soma e altri sperano di tornare presto.

Le acque termali

Arriviamo con il treno a Iwaki Yumoto Onsen, una delle stazioni termali più antiche del Giappone. La sua sorgente calda gorgoglia da 1.300 anni. L'acqua ricca di minerali alimenta numerosi ryokan della città. Come quello di  Satomi Yoshio. Durante il disastro, il suo antico lodge è servito per ospitare i volontari. Da allora, ha lavorato incessantemente per rivitalizzare l'area e riportare i visitatori:

La priorità del turismo è attirare le persone. Ma non voglio coprire o nascondere la verità, quindi se continuiamo la nostra attività, possiamo naturalmente costruire un rapporto di fiducia che potrebbe evolvere in una situazione in cui non sarà necessario usare la parola pettegolezzo.
Satomi Yoshio
proprietario di un ryokan, un albergo tradizionale

Il suo ryokan, un tradizionale albergo giapponese,  è diventato un luogo per curare mente e corpo, ma anche per conoscere la resilienza degli abitanti di Fukushima e contribuire ai loro sforzi, che i turisti sembrano apprezzare.

Condividi questo articolo