Montagna: 10mila persone salvate da Soccorso Alpino nel 2022

504 morti, 84 dispersi, dalla tragedia della Marmolada a Ischia
504 morti, 84 dispersi, dalla tragedia della Marmolada a Ischia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 MAR - In montagna, nelle grotte e negli ambienti impervi: nel 2022 sono state 10.367 le missioni del Soccorso Alpino e Speleologico, che interviene con oltre 7mila operatori specializzati in tutta Italia per l'assistenza e il recupero di persone infortunate o in difficoltà e per la ricerca e il soccorso dei dispersi, rispetto al 2021 c'è stato un incremento del 9,8%. In totale sono state 10.125 le persone soccorse, 504 i morti, 84 i dispersi in un anno segnato dalla tragedia della Marmolada a luglio e dall'intervento per la frana del Monte Epomeo, a Ischia a novembre. Le cause degli interventi sono dovute principalmente a tre fattori, spiega un report del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico: la caduta o scivolata (45,9%), l'incapacità durante l'attività svolta (26,3%) e il malore (13,7%). Le persone soccorse stavano facendo principalmente escursionismo (50,2% dei casi), mountain bike (9,0%, con un trend in forte crescita negli ultimi 5 anni, anche per l'utilizzo delle biciclette elettriche, che stanno avvicinando alla montagna nuovi appassionati e turisti), lo sci alpino (7,8%), l'alpinismo classico (5,4%) e la ricerca di funghi (4,2%). Nel 2022 hanno perso la vita in ambiente impervio 444 persone con un importante incremento rispetto al 2021 (+13,5%), 4.297 sono state le persone recuperate ferite in modo leggero, 1.298 i feriti gravi, 228 i feriti con compromesse funzioni vitali, 3.714 gli illesi, persone in difficoltà a causa delle condizioni morfologiche, dello stato dei terreni come la presenza di neve o ghiaccio, oppure perché non avevano attrezzature, calzature o abbigliamento adatti. Le unità cinofile sono state chiamata a operare 263 volte in caso di valanghe per la ricerca di persone disperse. In oltre il 40% dei casi il Soccorso Alpino e Speleologico è intervenuto con il supporto di un mezzo aereo (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue