Anastasio,citazione di Mussolini errore non giustificabile

Potevo incolpare hacker, mi sono assunto le mie responsabilità
Potevo incolpare hacker, mi sono assunto le mie responsabilità
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 MAR - "Il mio errore pubblico in email privata è gravissimo e non giustificabile. Giuste e doverose le mie immediate e irrevocabili dimissioni nel solo interesse di gestione della cosa pubblica e del Governo pro-tempore". Lo dichiara Claudio Anastasio, il manager che si è dimesso da presidente di 3-I, dopo le polemiche per la sua mail con una citazione di un discorso di Benito Mussolini. "Potevo giustificare di essere stato hackerato - aggiunge - come hanno fatto altri esponenti politici prima di me (non vero, proteggo i miei account di posta elettronica a massimo fattore come volevo così proteggere le connessioni di tutti i cittadini), potevo supportare la giustificazione che il testo è stato scritto da un'intelligenza artificiale (anche questo non vero, ma verosimile, e si apre un tema etico sulle evoluzioni dell'intelligenza artificiale), invece mi sono assunto le mie uniche responsabilità in merito e mi sono dimesso all'istante, riconoscendo una grave mia unica scivolata di contesto: storico, politico, pensando che la 'provocazione' e citazione tanto di uno quanto di altri tutti non era fioriera di essere così appeso a testa in giù sui social perché fa tendenza e like". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Le notizie del giorno | 12 aprile - Serale