Frassinetti,Ramelli ucciso da chi si definiva antifascista

'Penso non sia fascista parlare di democrazia e partecipazione'
'Penso non sia fascista parlare di democrazia e partecipazione'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 13 MAR - "Sergio Ramelli è stato ucciso da chi si diceva antifascista", quindi dell'antifascismo "ci sono tante sfaccettature. A quell'epoca l'antifascismo militante era rovente, penso che adesso sia cambiato tutto e che sia importante parlare di libertà, partecipazione e democrazia". Lo ha detto la sottosegretaria all'Istruzione Paola Frassinetti che oggi ha preso parte alla cerimonia di commemorazione di Sergio Ramelli, il 19enne del Fronte della Gioventù ucciso nel 1975 da esponenti di estrema sinistra, all'Itis Molinari di Milano, dove Ramelli studiava. "Chi è per questi valori qui - ha aggiunto - non penso possa definirsi fascista". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Michigan: Trump batte Haley, Biden vince ma è bocciato dagli arabi-americani pro Palestina

Nelle acque siciliane va in scena l'esercitazione della Nato Dynamic Manta

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Serale