Asaps, cento pedoni morti da inizio anno su strade italiane

Molti uccisi sulle strisce pedonali, 23 decessi solo nel Lazio
Molti uccisi sulle strisce pedonali, 23 decessi solo nel Lazio
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

0). (ANSA) - BOLOGNA, 13 MAR - Sono già cento i pedoni morti dall'inizio dell'anno sulle strade italiane, secondo i dati raccolti e diffusi dall'Osservatorio Asaps-Sapidata, l'Associazione sostenitori della Polizia stradale, che parla di "una strage senza fine, con un decesso ogni 17 ore". Molti di loro sono rimasti uccisi nel luogo più sicuro, come le strisce pedonali, e nonostante sia prevista la perdita di otto punti dalla patente in caso di mancata precedenza da parte dei veicoli. La strage ha interessato in particolare il Lazio, con 23 decessi, quasi un quarto del totale, di cui 13 a Roma. Seguono Lombardia (12), Emilia-Romagna e Campania (10). Cinquantuno decessi sono avvenuti a gennaio, 36 a febbraio e già 13 a marzo: il contatore è aggiornato a domenica 12 marzo, con dati rilevati da notizie stampa e dai referenti Asaps sul territorio. Le vittime sono 71 uomini e 29 donne, e gli anziani sono sempre più indifesi: 40 pedoni avevano più di 65 anni. Il lavoro dell'associazione è contenuto anche in una mappa pubblicata sul sito www.asaps.it, che riporta vie e città dei tragici investimenti. "Cento pedoni morti nell'immediatezza dell'investimento, quindi poi saranno di più con i decessi successivi in ospedale - commenta il presidente Asaps, Giordano Biserni - Un numero veramente preoccupante, che richiede interventi strutturali e di deciso controllo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, un anno di guerra: donatori a Parigi, Germania promette milioni di aiuti

Le notizie del giorno | 15 aprile - Serale

Portogallo, i giovani votano destra: il peso del partito Chega! verso le elezioni europee