Raid nel Napoletano, vittima e ferito legati allo stesso clan

Carico individuato dai carabinieri su un'auto: quattro arrestati
Carico individuato dai carabinieri su un'auto: quattro arrestati
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 09 MAR - E' ritenuto vicino al clan Ranucci Antonio Bortone, il 25enne (avrebbe compiuto 26 anni il prossimo 13 settembre) ucciso con sei-sette colpi d'arma da fuoco a Sant'Antimo, in provincia di Napoli, in un agguato scattato in via Solimena, di fronte alla palazzina di edilizia popolare 2B. Anche il 29enne che ieri sera si è recato all'ospedale Moscati di Aversa, Mario D'Isidoro (compirà 30 anni il primo maggio prossimo) con ferite provocate d'arma da fuoco esattamente dello stesso calibro di quella che ha ucciso Bortone, è ritenuto legato al clan Ranucci. Inoltre il 29enne abita proprio in via Solimena. Coincidenze che farebbero fortemente ritenere ai carabinieri della tenenza di Sant'Antimo, a quelli della compagnia di Giugliano in Campania e alla DDA (sostituto procuratore Daniela Varone, recatasi ieri sul posto) che i due fatti siano collegati. Bortone è stato colpito mentre era in sella a uno scooter. Sul luogo dell'omicidio non c'è un sistema di videosorveglianza e sembra che nessuno abbia visto e sentito niente. Ciononostante i carabinieri di Sant'Antimo sono giunti sul posto dopo una telefonata anonima che segnalava spari in quella zona. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Le notizie del giorno | 12 aprile - Serale