Dice lesbica a collega, per Cassazione è da licenziare

Cassazione conferma pena di un anno e sei mesi, niente sconti
Cassazione conferma pena di un anno e sei mesi, niente sconti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 09 MAR - E' "innegabile portato della evoluzione della società negli ultimi decenni la acquisizione della consapevolezza del rispetto che merita qualunque scelta di orientamento sessuale" e del fatto che essa "attiene ad una sfera intima e assolutamente riservata della persona" pertanto "l'intrusione in tale sfera" con "modalità di scherno", - dicendo a una collega "come sei uscita incinta tu? non sei lesbica?" - in ambiente di lavoro, non può essere considerata solo "una condotta inurbana" ma è una vera "discriminazione" da punire con il licenziamento in tronco. Lo sottolinea la Cassazione. Così la Suprema Corte - verdetto 7029 della Sezione lavoro - ha accolto il ricorso della Tper spa, società emiliana di trasporto pubblico, che voleva licenziare in tronco, per "giusta causa" e senza alcun diritto ad indennità, uno degli autisti suoi dipendenti che alla fermata dei pullman aveva rivolto a una collega, che da poco aveva partorito due gemelli, la frase "ma perchè sei uscita incinta pure tu? ma perchè non sei lesbica tu?'", e con fare "irrisorio" aveva aggiunto "e come sei uscita incinta?'". La donna, autista anche lei, aveva subito presentato un esposto all'azienda. Ma per la Corte di Appello di Bologna quelle parole erano solo un "comportamento inurbano" e non meritavano il licenziamento in tronco, ma solo il recesso unilaterale del datore con condanna a indennizzare l'autista con venti mensilità. Secondo gli "ermellini", invece, "la valutazione del giudice di merito nel ricondurre a mero comportamento 'inurbano' la condotta di Michele M. non è conforme ai valori presenti nella realtà sociale ed ai principi dell'ordinamento". Per la Cassazione, non si tratta di "un comportamento contrario soltanto alle regole della buona educazione e degli aspetti formali del vivere civile" ma di una condotta "in contrasto con valori ben più pregnanti, ormai radicati nella coscienza generale ed espressione di principi generali dell'ordinamento". Ora la Corte di Appello deve rivedere la sua decisione e verificare la sussistenza della giusta causa di licenziamento "alla luce della corretta scala valoriale di riferimento". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orban apre la campagna elettorale di Fidesz: "In Ucraina Bruxelles gioca col fuoco"

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump