Morto a 101 anni veterano Anzio Shindler, domani i funerali

Esequie a S. Benedetto. Aiutò ritrovare tomba padre Roger Waters
Esequie a S. Benedetto. Aiutò ritrovare tomba padre Roger Waters
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 22 FEB - Domani a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) si celebreranno i funerali di Harry Shindler, il reduce di guerra inglese, morto ieri all'età di 101 anni, che si è fortemente battuto contro la Brexit e per far ottenere il diritto di voto degli inglesi che risiedono all'estero. Le esequie si svolgeranno alle 10,30 presso la parrocchia del Cristo Re a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno). Dopo i funerali la salma verrà tumulata nel cimitero civico di San Benedetto, città dove da anni risiedeva. Protagonista dello sbarco degli Alleati ad Anzio, Shindler si era dedicato negli anni ad una sua personalissima missione: individuare le tombe dei soldati angloamericani morti in Italia, rintracciare testimoni, mettere in contatto i discendenti di chi aveva vissuto la drammatica esperienza della guerra. Una serie di storie che sono raccontate nel libro "La mia guerra non è finita. Storia del soldato inglese che dà pace alla memoria" scritto a quattro mani con Marco Patucchi. Il 101enne era legato da profonda amicizia con il cantante e musicista Roger Waters (co-fondatore dei Pink Floyd), che aveva aiutato a ritrovare la tomba del padre, morto nella battaglia di Cassino. Nel luglio 2016 Waters partecipò a San Benedetto del Tronto alla festa per il 95/o compleanno di Shindler. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, ancora una spy story: arrestate tre persone a libro paga della Cina

Crisi climatica, Polonia: da 26 gradi a temperature sotto zero in pochi giorni

Israele, capo intelligence militare Haliva si dimette per l'attacco del 7 ottobre di Hamas