Truffe su superbonus, 7 arresti e sequestri tra Marche e Abruzzo

Finanza Camerino-Carabinieri Macerata, 4,8 mln crediti bluff
Finanza Camerino-Carabinieri Macerata, 4,8 mln crediti bluff
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MACERATA, 08 FEB - I Finanzieri della Tenenza di Camerino e i Carabinieri del Reparto Operativo-Nucleo Investigativo di Macerata, coordinati dalla locale Procura, hanno smantellato un'associazione per delinquere dedita a truffe sul superbonus 110%: circa 4,8 milioni di euro i crediti fittizi. Eseguite sette ordinanze cautelari (5 ai domiciliari e 2 in carcere) del gip di Macerata e un decreto di sequestro preventivo di quote di due società, crediti monetizzati e proventi di riciclaggio per oltre 2.750.000 euro, immobili, ritenuti profitto degli illeciti ipotizzati. I dettagli dell'operazione "110% Plus" illustrati in una conferenza stampa presso il Comando provinciale della Finanza di Macerata, dal procuratore Giovanni Fabrizio Narbone, con i vertici provinciali di Finanza e Carabinieri. L'indagine è in fase preliminare ed è fatta salva la presunzione d'innocenza fino all'eventuale sentenza definitiva. Misure cautelari eseguite nei Comuni di Tolentino, Civitanova Marche (Macerata), Martinsicuro (Teramo) e Falconara Marittima (Ancona). Numerose le perquisizioni: sequestrati dieci fabbricati, 12 terreni, quattro auto, orologi di lusso, oggetti preziosi, contanti, un assegno per circa 30mila euro, e ulteriore materiale. I reati per cui si procede vanno dal "Trasferimento fraudolento di valori", al "Riciclaggio", all' Autoriciclaggio, all' "Associazione per delinquere" e altri. In carcere il presunto "capo" dell'organizzazione, 31enne imprenditore residente a Tolentino, e un 66enne professionista, residente a Martinsicuro. Ai domiciliari, madre, moglie e sorella del 31enne, residenti a Tolentino come altri due professionisti. Le indagini avrebbero mostrato "un grave quadro indiziario di colpevolezza" per i reati ipotizzati: l'organizzazione, tramite proprie società nell'edilizia e professionisti, certificava lavori di ristrutturazione eccedenti il reale valore di quelli eseguiti, aventi oggetto miglioramento energetico e adeguamento antisismico per ottenere "ecobonus" e "sismabonus" rientranti nel "superbonus 110%": valori di appalti e computi metrici venivano gonfiati ad hoc. Le fatture - committenti spesso ignari - venivano inserite nel portale Agenzia delle Entrate, con indebiti visti di conformità. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Le notizie del giorno | 12 aprile - Serale