Studentessa denuncia violenza sessuale di gruppo, 4 indagati

Procura, era ubriaca, hanno approfittato. A marzo in aula da gip
Procura, era ubriaca, hanno approfittato. A marzo in aula da gip
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 07 FEB - Un'altra indagine per violenza sessuale di gruppo a Milano in cui la vittima è una studentessa di vent'anni che al termine di una festa di compleanno, dove aveva bevuto, sarebbe stata abusata da quattro ragazzi di qualche anno più grandi. Il caso, che risale al primo maggio 2021, è venuto a galla in quanto il gip, su richiesta della Procura milanese, ha fissato a metà marzo l'incidente probatorio in cui la ventenne sarà chiamata di nuovo a testimoniare per definire meglio i contorni della vicenda da lei denunciata oltre dieci mesi dopo, ossia nel marzo successivo. Secondo l'esposto e gli accertamenti finora effettuati, la presunta violenza di gruppo sarebbe avvenuta nell'appartamento di due dei quattro indagati, pure loro studenti universitari. Quella sera, secondo la ricostruzione, si erano ritrovati assieme ad alcune ragazze per il compleanno di uno dei due padroni di casa. Terminata la festa, mentre le altre ospiti se ne erano andate, la giovane vittima, ubriaca, si era fermata a dormire. A quel punto "approfittando" del suo stato "di inferiorità fisica e psichica", in quanto aveva assunto alcool, sarebbe stata abusata da due mentre un terzo incitava gli amici e il quarto ragazzo - allora avevano 24 anni - assisteva. Dopo l'incidente probatorio il pm Maria Cardellicchio tirerà le sue conclusioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zaporizhzhia probabilmente non salterà in aria, ma l’Europa è comunque pronta al peggio

Usa, un agente di polizia e un vicesceriffo muoiono in una sparatoria nello Stato di New York

Polonia, pro vita in marcia contro l'estensione del diritto all'aborto proposta dal governo