Ex inviato di "Striscia" a processo a Oristano per estorsione

Ma domani Cristian Cocco a processo per estorsione a Oristano
Ma domani Cristian Cocco a processo per estorsione a Oristano
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ORISTANO, 02 FEB - L'ex inviato di "Striscia la notizia", il sardo Cristian Cocco, di 51 anni, è stato rinviato a giudizio con l'accusa di estorsione. Dovrà comparire il 6 luglio prossimo davanti ai giudici del Tribunale di Oristano. A decidere il processo è stata oggi la gup Federica Fulgheri su richiesta del pm Valerio Bagatini. L'attore comico del programma di Canale 5 era stato denunciato nel 2018 dall'operatore tv Massimo Antonio Aversano, che lavorava con lui nella realizzazione dei servizi per Mediaset. Secondo l'accusa, in quattro anni Cocco avrebbe costretto l'operatore a consegnarli complessivamente oltre 60 mila euro minacciandolo che se non gli avesse dato la metà dei compensi ricevuti per i servizi avrebbe interrotto la collaborazione professionale, fino a lasciarlo disoccupato quando si rivolse a un altro operatore. La difesa dello showman, rappresentata dall'avvocata Cristina Puddu, è pronta a dare battaglia e ha definito la vicenda "poco chiara e con accuse infondate per le quali Cocco ha subìto gravi danni lavorativi. La sua innocenza - assicura - lo faremo valere nell'istruttoria dibattimentale, sia con prove testimoniali che documentali". Aversano non si è costituito in giudizio. Non lo ha fatto neppure la società che curava il service, Videovolo, di cui è legale rappresentante Kristina Papp, mai sentita dagli inquirenti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: i russi vogliono conquistare Chasiv Yar entro il 9 maggio

Gli eurodeputati chiedono di sequestrare i beni russi congelati

Difesa: Rishi Sunak annuncia piano aumento spesa al 2,5 per cento del Pil