Omicidio nel Bresciano, marito ucciso con 6 coltellate alla gola

La Procura di Brescia non menziona la legittima difesa
La Procura di Brescia non menziona la legittima difesa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRESCIA, 30 GEN - La Procura di Brescia contesta l'omicidio volontario senza menzionare una eventuale legittima difesa, nei confronti di Raffaella Ragnoli, la donna che sabato sera a Nuvolento, nel Bresciano, ha ucciso a coltellate il marito Romano Fagoni. Secondo quanto ricostruito, il gesto sarebbe l'epilogo di una lite in famiglia durante la quale la vittima, impugnando un coltellino, avrebbe in qualche modo minacciato di usarlo se moglie e figlio non avessero smesso di criticarlo. La donna avrebbe reagito e ha colpito sei volte alla gola il marito. Il pm Flavio Mastrototaro oggi deposita gli atti al Gip che fisserà l'interrogatorio di convalida dell'arresto scattato all'alba di domenica. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Danimarca: più della metà delle riserve di acqua potabile sono contaminate

Stati Uniti, Donald Trump dichiarato ineleggibile anche in Illinois: annuncia ricorso

Le notizie del giorno | 29 febbraio - Pomeridiane