EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Badante raggira anziana e le toglie 50mila euro, denunciato

Uomo pregiudicato era stato indicato da agenzia
Uomo pregiudicato era stato indicato da agenzia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 03 GEN - Un badante italiano di 60 anni è stato denunciato con l'accusa di avere raggirato una anziana di 90 anni presso cui lavorava facendosi consegnare un assegno in bianco che ha poi portato all'incasso prelevando dal conto della vittima 50 mila euro. Sono stati i carabinieri di Pietra Ligure (Savona) a scoprire l'uomo dopo una querela presentata dalla donna. Il badante, pregiudicato, dimorante nel Loanese, tra agosto e ottobre aveva ottenuto il lavoro di assistente domiciliare dell'anziana donna che aveva sottoscritto un contratto con un'agenzia del luogo. Approfittando della sua vulnerabilità e condizioni psichiche, dicono i carabinieri, l'ha convinta a consegnarle un assegno firmato in bianco. I carabinieri, esaminando la documentazione acquisita e raccogliendo informazioni da persone informate sui fatti, si sono messi alla ricerca del maltolto seguendo il flusso del denaro prelevato dal conto dell'anziana donna, che è stato in breve individuato in una serie di bonifici effettuati dal badante in favore di altri conti correnti, che conducevano a due carte prepagate sempre a lui intestate. I militari, a questo punto, hanno subito informato la Procura della Repubblica di Savona che, sulla base degli elementi raccolti, oltre a condividere il reato di circonvenzione di persona incapace e furto aggravati dall'aver profittato delle particolari condizioni psicologiche dell'anziana signora, abusando della prestazione d'opera, ha emesso un decreto di sequestro del conto corrente e di perquisizione domiciliare dell'abitazione del reo, che hanno permesso di rinvenire nello sgabuzzino di casa dell'uomo un'ingente somma di denaro contante, nonché le carte di credito oltre a documentazione bancaria e testamentaria della vittima, ingiustificatamente nella sua disponibilità. Complessivamente sono stati recuperati e sequestrati circa 30.000 euro ritenuti provento del reato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 maggio - Pomeridiane

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare

Risoluzione Onu per commemorare il genocidio di Srebrenica, serbi in protesta