Venezuela, così la propaganda investe anche il Natale

I giocattoli "politici" di Maduro.
I giocattoli "politici" di Maduro. Diritti d'autore Jesus Vargas/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha distribuito ai bambini delle zone più povere del Paese delle bambole che lo raffigurano come un supereroe.

PUBBLICITÀ

Supercilita e Superbaffo potrebbero essere i nomi di due personaggi dei cartoni animati. Si tratta invece del nome dei bambolotti a immagine e somiglianza del presidente venezuelano Nicolas Maduro e di sua moglie, Cilia Flores, che in occasione delle feste natalizie sono state distribuite ai bambini delle zone più povere del paese in ben 13 milioni di esemplari. I giocattoli raffigurano la coppia presidenziale come due supereroi, con particolare riferimento al caratteristico "baffo" di Nicolas Maduro, trasformato, in versione originale, in Superbigote.

Jesus Vargas/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
I giocattoli "politici" di Maduro.Jesus Vargas/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

Una campagna criticatissima in un momento in cui il Paese è alla fame, nonchè un tentativo di manipolazione dei più piccoli. "Trovo che sia irrispettoso per i nostri bambini, con queste bambole stanno cercando di avviarli al culto della personalità di Maduro", afferma Belkis Bolívar, membro della Federazione venezuelana degli insegnanti, contraria alla campagna del regime. "Stanno trasmettendo un'ideologia a dei bambini piccoli, che non sanno ancora distinguere il bene e il male", conclude la donna.

Stanno trasmettendo un'ideologia a dei bambini piccoli.
Belkis Bolívar
Membro della Federazione venezuelana degli insegnanti

Una strategia tipica del regime venezuelano

Una mossa pubblicitaria per migliorare l'immagine del leader autoritario, al potere da ormai un decennio, e che non è nuovo a campagne autocelebrative di questo tipo. Solo alcuni giorni fa, per esempio, il presidente Maduro ha annunciato l'intervento dell'esercito nello stato di Bolivar, la regione mineraria del Paese, per ristabilire l'ordine nell'arco miniero in preda a cartelli criminali. Anche in quel caso, secondo molti esperti e associazioni inidpendenti, si trattava solo di una operazione di comunicazione più che di un vero e proprio intervento risolutivo.

Una situazione economica drammatica

Il Venezuela è schiacciato da povertà e inflazione, e le condizioni economiche della popolazione sono drammatiche, tanto che molti venezuelani decidono di lasciare il Paese.

Questa settimana lo stipendio minimo è sceso sotto i 9 euro mensili, il più basso al mondo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezuela, mandato d'arresto per il leader dell'opposizione Juan Guaidó

Ballano i diavoli in Venezuela

Tensione tra Venezuela e Guyana per l'Esequiba: Maduro invia seimila soldati nei Caraibi