Pechino lancia maxi incursione aerea nella zona di difesa di Taiwan

Esercitazioni militari a Taiwan. 24 agosto 2022.
Esercitazioni militari a Taiwan. 24 agosto 2022. Diritti d'autore Wally Santana/AP
Di Ilaria Federico
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sale la tensione tra la Cina e Taiwan. Pechino ha schierato 71 aerei nella zona di difesa aerea a sud di Taiwan, in risposta agli aiuti economici degli Stati Uniti a sostegno del sistema militare taiwanese

PUBBLICITÀ

La Cina ha condotto, il 25 dicembre, delle esercitazioni militari senza precedenti vicino Taiwan, "in risposta alle provocazioni e collusioni tra gli Stati Uniti e le autorità dell'isola", ha affermato il portavoce dell'esercito cinese.

In un messaggio pubblicato su Twitter, il governo di Taipei spiega che 71 aerei da combattimento hanno preso parte alle esercitazioni, tra cui sei SU-30, tra i velivoli più avanzati della Cina. Nel suo aggiornamento quotidiano, il ministero della Difesa taiwanese indica inoltre che 47 di questi aerei sono entrati nella zona di difesa aerea di Taiwan: si tratta della terza più grande incursione giornaliera mai registrata. Secondi i dati della Difesa, la maggior parte delle incursioni è avvenuta nel versante sudoccidentale di Taiwan.

Il motivo dell'incursione

Le esercitazioni sarebbero una reazione di Pechino al nuovo budget americano per la sicurezza, adottato il 23 dicembre dal Congresso degli Stati Uniti. Il disegno di legge prevede una spesa di 10 miliardi di dollari annui per la durata di cinque anni in assistenza al sistema di sicurezza di Taiwan.  

La Cina aveva immediatamente risposto che era "fortemente insoddisfatta e risolutamente contraria" alla legge, che "danneggerà la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan". "Gli Stati Uniti ignorano i fatti ed esagerano la minaccia cinese per interferire negli affari interni del nostro Paese e diffamare il Partito comunista cinese", ha affermato il ministro degli Esteri di Pechino in un comunicato del 24 dicembre.

La Cina considera Taiwan una delle sue province che deve ancora riunificare. Ma dal 1949, Taiwan è uno Stato autonomo dotato di un governo democratico.

La reazione di Washington

A Washington, un funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha dichiarato che l'attività militare cinese vicino a Taiwan è "destabilizzante, rischia errori di calcolo e mina la pace e la stabilità regionale."

L'ufficiale, non autorizzato ad essere identificato, ha commentato: "Gli Stati Uniti nutrono un costante interesse per la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan. Continueremo ad assistere Taiwan nel mantenere una capacità di autodifesa sufficiente in linea con i nostri impegni di lunga data e coerente con la nostra politica di una sola Cina."

La reazione di Taipei

Il governo di Taiwan si è riunito questo 27 dicembre per discutere del potenziamento delle difese civili dell'isola e ha annunciato che estenderà il servizio militare obbligatorio da quattro mesi ad un anno a causa della crescente minaccia cinese.

"Finché Taiwan sarà abbastanza forte, sarà la casa della democrazia e della libertà in tutto il mondo, e non diventerà un campo di battaglia", ha affermato la presidente di Taiwan Tsai Ing-wen durante una conferenza stampa. Il suo Consiglio di sicurezza prevede di aggiungere 70.000 militari professionisti all'attuale esercito di 165.000 unità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amministrative a Taiwan (test elettorale in vista delle presidenziali del 2024)

Usa e Taiwan trattano per rafforzare gli scambi commerciali, l'ira di Pechino

Taiwan: altri funzionari statunitensi in visita, Cina annuncia nuove esercitazioni