Casamicciola: Legnini in visita agli sfollati

Gli auguri del commissario a chi vivrà il Natale in hotel
Gli auguri del commissario a chi vivrà il Natale in hotel
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ISCHIA, 24 DIC - Il commissario per l'emergenza frana di Ischia, Giovanni Legnini, è stato in visita ieri sera in tutti gli alberghi che ospitano gli sfollati. Legnini ha rivolto i suoi auguri di Natale ai cittadini, circa 400, che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni dopo il disastro del 26 novembre scorso e che passeranno le festività natalizie in hotel o nelle case di parenti o amici che li hanno accolti. Legnini era accompagnato dal vice commissario prefettizio Beniamino Cacciapuoti. Ha risposto alle domande degli sfollati e ha illustrato la situazione attuale di Casamicciola, con le numerose problematiche da risolvere tra cui quella delle future emergenze determinate dalle allerte meteo e la necessità di dividere in zone il paese a seconda del rischio. Ultima tappa del commissario nell'hotel Michelangelo, che sorge a qualche chilometro di distanza da via Celario, l'epicentro della frana. Il Michelangelo era stato il primo hotel a riaprire, poche ore dopo l'alluvione, per accogliere i primi sfollati ed è quello che ne ospita attualmente il numero maggiore, circa 150. Qui ieri sera Nino Di Costanzo, chef ischitano, ha radunato i migliori cuochi, pizzaioli e pasticcieri dell'isola che hanno preparato un menu speciale per gli sfollati, regalando loro una serata diversa nell'imminenza del Natale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Protesta in Georgia contro la "legge russa" sugli agenti stranieri, scontri con la polizia e arresti

Roma, la ripresa economica passa per Bruxelles e per le elezioni europee

Iran a Israele: "Se ci attaccate, utilizzeremo un'arma mai usata prima"