Riciclaggio: Dia, in Toscana 8.206 segnalazioni nel 2021

Prato seconda solo a Milano in Italia. Interdette 29 società
Prato seconda solo a Milano in Italia. Interdette 29 società
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 16 DIC - Nel 2021 sono state 8.206 le segnalazioni di operazioni sospette di riciclaggio (+22,6% rispetto al 2020), registrate in Toscana, pari al 5,9% del totale nazionale, facendone l'ottava regione in Italia. Lo rivela il sesto rapporto sui fenomeni di criminalità organizzata e corruzione in Toscana, realizzato dai ricercatori della Scuola Normale Superiore di Pisa e presentato oggi a Firenze. La provincia di Firenze è la prima per numero di segnalazioni in valore assoluto (circa un terzo del totale), seguita da Prato (12%), Pisa (8,9%) e Lucca (8,3%). Gli incrementi più importanti su base annua si registrano a Pisa (+46,8%), Livorno (+38%) e Massa-Carrara (36,5%). La provincia di Prato è tra le prime province in Italia per la localizzazione delle segnalazioni (400 unità per 100.000 abitanti), al secondo posto su scala nazionale dopo Milano (441 unità). Secondo i dati della Dia, sono state 11.266 le operazioni analizzate dalla Dia perché ritenute riconducibili direttamente a fenomeni di criminalità organizzata, pari al 5,8% del totale nazionale (+88% sul 2020). Nel 2021, il numero di società destinatarie di un provvedimento interdittivo anti-mafia è stato di 29, (-15% sul 2020), ma superiore rispetto alla media registrata nel Centro-Nord (22,4). Negli ultimi due anni il numero di interdittive emesse nella regione (63 provvedimenti) è superiore a quello registrato complessivamente nei sei anni precedenti (50), facendo della Toscana la quarta regione del Centro-Nord per numero di provvedimenti prefettizi dal 2014 al 2021, con un incremento nell'ultimo triennio superiore alle regioni più attive su questo fronte di prevenzione antimafia (+106%). Nel 2022 il numero di interdittive è pari a 22 (aggiornato a settembre). Infine, il rapporto sottolinea che il quadro del rischio associato all'uso relativo del contante evidenzia forti criticità per il territorio toscano. La Toscana è l'unica regione in Italia, fatta eccezione per Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige, a presentare un rischio medio-alto e superiore in tutte le province del territorio regionale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Coloni israeliani attaccano villaggi in Cisgiordania, alta tensione con l'Iran

Sydney: attacco in un centro commerciale, morti e feriti

Turchia, incidente in funivia: un morto e sette feriti