EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Trapianti: un farmaco inibisce il rigetto in quelli di rene

Sperimentato a Padova l'impiego dell'Imlifidase
Sperimentato a Padova l'impiego dell'Imlifidase
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PADOVA, 14 DIC - Per la prima volta, all'ospedale di Padova, è stato possibile trapiantare un rene, superando la presenza di anticorpi contro gli antigeni del donatore, evitando quindi il rischio di rigetto, grazie all'utilizzo dell'Imlifidase, un farmaco che ha ricevuto il via libera dall'Aifa lo scorso 7 dicembre. L'innovazione farmacologica è stata presentata dal direttore generale dell'azienda ospedaliera, Giuseppe Dal Ben, e dal direttore del Centro Nazionale Trapianti, Massimo Cardillo. "In Italia ci sono circa 6 mila pazienti in lista d'attesa per il trapianto di rene - ha spiegato Cardillo -. Il 17% di queste persone presenta un alto livello di anticorpi contro gli antigeni di tutte le persone, quindi anche dei potenziali donatori. La presenza di questi anticorpi rende, dunque, difficile trovare donatori. Per la prima volta è stato trovato un farmaco che scinde questi anticorpi rendendoli inefficaci, consentendo così il trapianto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Papua Nuova Guinea: frana provoca oltre cento morti

Guerra a Gaza: l'Italia stanzia 5 milioni di euro per l'Unrwa

Cosa ha causato il crollo del ristorante Medusa a Maiorca?