'Pagate 150.000 euro o vi brucio vigneti Sassicaia', arrestato

Cc Livorno, 47enne tentava estorsione a celebre azienda vinicola
Cc Livorno, 47enne tentava estorsione a celebre azienda vinicola
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LIVORNO, 07 DIC - Ha tentato di estorcere 150.000 euro in bitcoin minacciando di bruciare interi vigneti di Sassicaia, a Bolgheri (Livorno) ma i dirigenti della casa vinicola che produce uno dei vini più pregiati del mondo si sono rivolti ai carabinieri che hanno scoperto un 47enne di Trieste. L'uomo è già noto per reati simili contro grandi e prospere aziende della filiare agroalimentare, sia produttori sia pure la grande distribuzione organizzata. Stavolta, agendo esclusivamente via Internet, ha puntato su Bolgheri e il suo vino famoso. L'accusa è di tentata estorsione per fatti che risalgono alla fine di marzo 2022 quando i dirigenti della tenuta ricevettero lettere e-mail criptate in cui si intimava di versare 150.000 euro in bitcoin nel giro di pochi giorni per non vedere andare incendiati i vigneti. I vertici dell'azienda vitivinicola non hanno ceduto al ricatto anche se hanno temuto le minacce. Il 47enne, hanno ricostruito i carabinieri, aveva formulato l'estorsione dimostrando una precisa conoscenza delle proprietà. Nozioni apprese studiando l'area del Sassicaia su Internet. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Kiev teme un tentativo di sfondamento più ampio nell'estate del 2024

Ungheria, ecco le norme sull'immigrazione più severe d'Europa

Repubblica Democratica del Congo: preoccupa l'inquinamento da estrazione petrolifera