In Sardegna rinasce un'area distrutta dagli incendi

A Cuglieri 12mila mq tornano alla collettività grazie Nespresso
A Cuglieri 12mila mq tornano alla collettività grazie Nespresso
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 30 NOV - Un'area di 12 mila metri quadrati, patrimonio naturale e anche storico, andata distrutta dagli incendi nel 2021 viene rigenerata con la messa a dimora di oltre 400 piante. Avviene a Cuglieri, in provincia di Oristano, grazie all'iniziativa 'Le città che respirano' di Nespresso. L'area è quella del castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, che a luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti dalle fiamme circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni fa. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso, sono state ripulite le zone bruciate e recuperate le piante sopravvissute alle fiamme. Sono state poi messa a dimora oltre 400 piante. Il progetto 'Le città che respirano', lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell'iniziativa 'Mosaico Verde', la campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi di AzzeroCO 2 e Legambiente. "Questo progetto di rinaturalizzazione è solo l'ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale - ha sottolineato Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività". Un simbolo di rinascita sono anche i nuovi germogli dell'oleastro millenario di 'Sa Tanca Manna', divorato dalle fiamme e dato per perduto. Solo la dedizione dei volontari dell'Associazione Montiferru, che per mesi lo hanno accudito montando dei teli per proteggerlo dai raggi solari, innaffiandolo e ripulendolo dalle sterpaglie, ha permesso al Patriarca di rigenerarsi. "Il progetto di bonifica dell'area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare", ha commentato il sindaco di Cuglieri Andrea Loche alla cerimonia di inaugurazione dell'area. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lo zoo di Madrid restituisce alla Cina una famiglia di cinque panda giganti

Le notizie del giorno | 01 marzo - Pomeridiane

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio