Business, droga e sesso: il pericoloso triangolo degli imprenditori "geni"

Sam Bankman-Fried, presunto genio delle criptovalute.
Sam Bankman-Fried, presunto genio delle criptovalute. Diritti d'autore Euronews
Di Cristiano TassinariEuronews - Redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La bancarotta a inizio novembre di FTX, la gigantesca piattaforma per lo scambio di criptovalute, è al tempo stesso il fallimento di un sistema imprenditoriale, apparentemente (e inizialmente) di successo, basato sul pericoloso triangolo "Business-Droga-Sesso". Ma cosa c'è dietro?

PUBBLICITÀ

Il fallimento a inizio novembre di FTX, la gigantesca piattaforma per lo scambio di criptovalute, è al tempo stesso il fallimento di un sistema imprenditoriale, apparentemente (e inizialmente) di successo, basato sul pericoloso triangolo "Business-Droga-Sesso".

Un mondo creato a immagine e somiglianza, ad esempio, di Sam Bankman-Fried, il cognome significa "banchiere fritto", un presunto genio 30enne della finanza 3.0, il fondatore di FTX,  che viveva a suon di anfetamine in una specie di comunità di lusso (e di lussuria) alle Bahamas, spendendo e spandendo come non ci fosse un domani.
Ma ora dovrà ridare indietro ai suoi 50 principali creditori più di 3 miliardi di dollari.
È quanto risulta dai documenti dell'istanza di fallimento presentata in Delaware l'11 novembre. Un milione, tra clienti e investitori, devono affrontare perdite per miliardi di dollari. 

E chissà quanti altri non hanno dichiarato gli investimenti fatti in criptovalute...

Per il liquidatore fallimentare di FTX è una "situazione senza precedenti". 
L'importo più alto da restituire ammonta a 226 milioni di dollari, ma ci sono almeno dieci creditori che hanno perso quasi 100 milioni. 

Probabilmente, il definitivo colpo del ko per le criptovalute e, soprattutto, per la loro credibilità.

Marta Lavandier/Copyright 2022 The AP. All Rights Reserved.
La FTX Arena di Miami, dove si giocano le partite nell'NBA dei Miami Heat.Marta Lavandier/Copyright 2022 The AP. All Rights Reserved.

Ma esempi di fenomeni "digitali" - che hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità - ne abbiamo avuti anche in Italia: uno è sicuramente Alberto Genovese, "il mago delle start-up", inventore di Facile.it, poi venduto per 100 milioni di euro, ma schiavo dei soldi, degli stupefacenti, del sesso, a tal punto da finire nelle pagine di cronaca nera e persino in galera, per otto anni, per violenza sessuale nei confronti di due ragazze.

Ancora prima, nella categoria "cattivi ragazzi" c'era stato Matteo Cambi da Carpi (ve lo ricordate?), il creatore del marchio Guru, quello della margherita sulla maglietta, un'altro golden boy del business, travolto dalla cocaina, dagli eccessi di una vita sopra le righe e dagli scandali.

E questi sono soltanto alcuni casi. 
Allora, forse, è meglio smetterla con l'imprenditoria sintetica e psichedelica e tornare al caro vecchio olio di gomito. O siamo davvero fuori epoca?

Bruce Kluckhohn/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Il logo FTX sulla manica di una giacca da baseball, a Minneapolis.Bruce Kluckhohn/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bitcoin tra dubbi e rischi. Monito dell'FMI a El Salvador sull'uso della criptovaluta

Causa miliardaria per Cristiano Ronaldo, avrebbe promosso investimenti in perdita con Binance

Investigazioni alla bulgara: contro una criptobanca e le frodi sugli investimenti online