This content is not available in your region

Colombia, nuovi colloqui con i guerriglieri dell'ELN: il dialogo era fermo dal 2019

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Antonio Garcia dell'ELN e l'alto commissario colombiano Ivan Danilo Rueda siglano l'accordo per i nuovi colloqui
Antonio Garcia dell'ELN e l'alto commissario colombiano Ivan Danilo Rueda siglano l'accordo per i nuovi colloqui   -   Diritti d'autore  Ariana Cubillos/AP   -  

Il governo colombiano e il più grande gruppo guerrigliero rimasto nel Paese, l'Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), hanno annunciato che riprenderanno il mese prossimo i colloqui di pace sospesi nel 2019.

Un primo incontro, stando all'accordo tra le parti, dovrebbe avvenire dopo la prima settimana di novembre nella capitale venezuelana Caracas: proprio il Venezuela, insieme a Norvegia e Cuba, è tra gli "Stati garanti" nominati per i futuri colloqui

Il dialogo tra le parti era iniziato nel 2016 sotto l'ex presidente Juan Manuel Santos, noto per la firma del trattato di pace con le FARC, il più grande gruppo rivoluzionario del paese che ha poi deposto le armi confluendo in un regolare partito politico.

A fermare i colloqui con l'ELN nel 2019 fu l'allora presidente conservatore Ivan Duque a seguito dei 22 morti provocati dall'esplosione di un autobomba all'accademia di polizia di Bogotà.

Gustavo Petro, che ad agosto è diventato il primo Presidente di sinistra della Colombia, ha promesso di adottare un approccio meno bellicoso per cercare di porre fine alla violenza causata dai gruppi armati, compresi i guerriglieri marxisti e i narcotrafficanti.