EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nuova notte di proteste in Iran, scontri e arresti in almeno 15 città

Una donna depone fiori su un altare in ricordo di Masha Amini eretto fuori dalla sede ONU di Ginevra, Svizzera, il 20 settembre 2022
Una donna depone fiori su un altare in ricordo di Masha Amini eretto fuori dalla sede ONU di Ginevra, Svizzera, il 20 settembre 2022 Diritti d'autore Salvattore Di Nolfi/ KEYSTONE / SALVATORE DI NOLFI
Diritti d'autore Salvattore Di Nolfi/ KEYSTONE / SALVATORE DI NOLFI
Di Euronews Agenzie:  ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

E intanto, sulla morte di Masha Amini - avvenuta durante un fermo della polizia morale che le contestava un uso "scorretto" del velo - le Nazioni unite invocano un'indagine

PUBBLICITÀ

Le proteste si allargano a macchia d'olio in Iran dove, per la quinta notte consecutiva, i manifestanti sono scesi in piazza dopo la morte di Mahsa Amini, la 22enne curdo-iraniana arrestata dalla polizia morale perché non indossava correttamente il velo e deceduta dopo tre giorni di coma per via di percosse e maltrattamenti.

L'Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni unite  ha invocato un'indagine rigorosa sull'episodio, sul quale Teheran continua a negare ogni responsabilità, attribuendo il decesso a un improvviso malore che avrebbe colto la donna proprio nel mezzo delle ore di fermo. 

"La tragica morte di Masha Amini e le accuse di tortura e maltrattamenti devono essere indagate in modo rapido, imparziale ed efficace da un'autorità indipendente e competente  che garantisca, in particolare, alla sua famiglia l'accesso alla giustizia e alla verità" ha dichiarato la portavoce Onu Ravina Shamdasani

Ben 15 le città interessate dalle proteste dell'ultima notte: i manifestanti hanno incendiato cassonetti e veicoli della polizia, lanciando pietre contro le forze di sicurezza, che hanno risposto con lanci di gas lacrimogeni e numerosi arresti per disperdere la folla

 Uomini e donne, molte dei quali si erano tolte il velo, si sono riuniti a Teheran e in altre grandi città, tra cui Mashhad (nord-est), Tabriz (nord-ovest), Rasht (nord), Isfahan (centro) e Kish (sud).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il capo dell'Aiea in Iran per chiedere controlli più severi sul programma nucleare del Paese

Teheran, muore la 16enne Armita Geravand: forse picchiata dalla polizia perché non indossava il velo

Genocidio Srebrenica: la marcia della pace per ricordare le vittime del massacro del 1995