This content is not available in your region

Italiani senza cittadinanza: un milione di persone in attesa di una nuova legge

Access to the comments Commenti
Di Michele Carlino
euronews_icons_loading
Italiani senza cittadinanza: un milione di persone in attesa di una nuova legge
Diritti d'autore  euronews

Kaby Lame l'ha conquistata grazie ai suoi record su tik tok, ma la cittadinanza italiana, per chi in Italia ci è nato o ci vive da quando era un bambino, resta un miraggio. Nonostante le promesse di "ius soli" o di "ius scholae" manca ancora una legge, e il tema non "buca" una campagna elettorale distratta. Ma sono almeno un milione coloro che subiscono per questo una grave discriminazione.

Tra i pochi che parlano di loro c'è Marilena Umhuoza Delli, scrittice e giornalista, che ogni settimana ne racconta le storie su Radio Radicale insieme a Andrea Billau. "Abbiamo intervistato l'ex ministra per l'Integrazione Cecil Kyenge - dice Umhuoza Delli - è stata la prima ospite, seguita da Stella Jean, che è una straordinaria stilista italo-haitiana che sarà presente anche alla Settimana della Moda a Milano, abbiamo avuto ospite il primo pittore afrodiscendente, Veggetti, poi abbiamo avuto anche Igiaba Scego, che è una autrice di grandissimo rilievo".

E poi attori, musicisti, sportivi: cittadini senza cittadinanza, ma anche eccellenze nei loro rispettivi campi. "In Italia per poterti meritare cose come la cittadinanza devi eccellere a tutti i costi - dice Umhuoza Delli -. La cittadinanza è un diritto quindi è assurdo che la attuale legge sulla cittadinanza, ius sanguinis, si basi sulla purezza di sangue. Per questa legge quasi un milione di giovani sono discriminati, e si vedono negato lo stesso diritto al voto".

Abbiamo incontrato uno dei nuovi italiani a Trento. Ibrahim è nato in Burkina Faso, e la sua pizza è tra le prime 50 al mondo. Eppure anche per lui la strada è stata in salita. "All'inizio la gente non voleva entrare, passava davanti al negozio, vedeva che in fondo nel laboratorio c'ero io, e tirava dritto - racconta Ibrahim -. Mi sono preso la briga di assentarmi apposta durante le ore di punta, avevo assunto due dipendenti bianchi, ed è stata una svolta incredibile: era pieno, si creava la coda addirittura."

Aspettando la legge sulla cittadinanza, Ibrahim contribuisce a smontare i tanti pregiudizi: "Essere italiano non vuol dire necessariamente essere bianchi, ma si può essere neri e italiani. Io sono nero, ma mi sento italiano".