This content is not available in your region

Alzheimer:Trieste si colorerà di viola per Giornata mondiale

Access to the comments Commenti
Di ANSA
De Banfield organizza tante iniziative in città per 21 Settembre
De Banfield organizza tante iniziative in città per 21 Settembre

(ANSA) – TRIESTE, 18 SET – Bus viola in giro per la città, la
mappa dei luoghi “Dementia Friendly”, lo spritz viola. Sono
alcune delle iniziative che la Associazione De Banfield onlus di
Trieste – impegnata da oltre trent’anni nel sostegno ai
Caregiver di persone con Alzheimer – varerà a Trieste il 21
settembre in occasione della Giornata Mondiale Alzheimer,
dedicata a “chi dimentica”. Viola è il colore del “non ti
scordar di me”, fiore simbolo della malattia. Oltre alla Panchina Viola in centro, stavolta circolerà fino
a fine settembre il Bus viola, l’autobus dei ricordi, grazie al
contributo del Comune di Trieste, con tre corse speciali
(h.11.30, 18.00 e 19.00). I passeggeri, accompagnati da una
guida turistica, nel percorso ascolteranno in cuffia i dialoghi
di due passeggere immaginarie, madre e figlia (interpretate da
due attrici, Ariella Reggio e Marzia Postogna). Una ventina di
caffè storici e locali proporranno il noto cocktail Spritz
viola. E ancora, sarà presentata la Mappa viola della città, in
cui sono indicati i luoghi “Dementia Friendly”, tra cui il Museo
Teatrale Carlo Schmidl, i supermercati Coop Allenza 3.0 e
l’Ariston, primo cinema Dementia Friendly in Italia. E’ stato anche editato il libro “La Nonna sul Pianeta blu”
(Pendragon) esito dell’ omonimo Concorso letterario Nazionale
della De Banfield onlus che raccoglie i migliori 30 racconti
vincitori del concorso, scritti da caregiver di malati di
Alzheimer selezionati da una giuria presieduta da Michela
Marzano. La Prefazione è firmata dall’attrice Daniela Poggi,
vincitrice della passata edizione. Sono circa 58 milioni le persone nel mondo affette da qualche
forma di demenza: di queste, circa il 60% è malattia di
Alzheimer: una cifra è destinata quasi a raddoppiare ogni 20
anni, fino a raggiungere 82,5 milioni di persone nel 2030 e
152,2 milioni nel 2050. In Italia si contano circa un milione di
casi, in aumento esponenziale all’allungarsi dell’età media di
vita. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.