This content is not available in your region

Tetto al prezzo del gas, Ursula von der Leyen: "Si discute"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen   -   Diritti d'autore  Euronews

Con l'Ucraina e l'energia al centro del discorso sullo stato dell'Unione di Ursula von der Leyen, Euronews ha chiesto alla presidente della Commissione se sia possibile introdurre un tetto massimo per il prezzo del gas e quando i consumatori possano attenderne i benefici.

"Non dobbiamo mai dimenticare che Putin sta usando il gas come un'arma e, quindi, ci troviamo in questa crisi energetica. Come Unione europea abbiamo già fatto molto e questo ha attutito buona parte degli effetti. Cito, ad esempio, lo stoccaggio congiunto: ora siamo all'84%. È un dato molto positivo e abbiamo diversificato il nostro approvvigionamento dalla Russia verso fornitori affidabili come la Norvegia o gli Stati Uniti". 

All'inizio della guerra il 40% del gas importato era russo. Oggi siamo scesi al 9%. Quindi, c'è stata una drastica diminuzione del gas russo, che abbiamo compensato con altri fornitori.
Ursula von der Leyen
presidente Commissione europea

"Ora il passo che stiamo facendo è quello di dare agli Stati membri la capacità di intervento finanziario per raggiungere l'obiettivo. Sosteniamo le famiglie e le imprese vulnerabili. Questo è il prossimo passo che il Consiglio e il Parlamento stanno compiendo. Stiamo inoltre discutendo sui massimali di prezzo.Con la Russia, una fornitura completamente inaffidabile, la situazione è chiara, ma con altri come, ad esempio, i nostri amici norvegesi, è positivo aver iniziato a negoziare e a discutere su come possiamo avere un approccio comune per abbassare stabilmente i prezzi del gas, perché definiscono molto il mercato dell'elettricità. E, infine, ma non meno importante, la grande riforma del mercato dell'elettricità è il prossimo passo da compiere".

Pensate che ci sarà una risposta solidale. E la solidarietà si concretizzerà in una risposta comune sul tetto dei prezzi?

"Abbiamo l'esperienza di un'enorme solidarietà europea. Vediamo, ad esempio, che tutti gli Stati membri hanno deciso di avere uno stoccaggio comune. Volevamo che in ottobre lo stoccaggio arrivasse all'80%. Ma siamo più avanti perché lavoriamo tutti insieme, abbiamo detto che la solidarietà è già all'84% in questo momento. Questo ci aiuterà a passare un inverno sicuro. Vediamo un'enorme collaborazione in quanto il gas che riceviamo da fornitori affidabili come gli Stati Uniti o la Norvegia arriva dove è necessario. E tutti abbiamo capito che abbiamo lavorato insieme in questa crisi energetica perché siamo solidali. Più abbiamo una situazione stabile all'interno dell'Unione Europea, più ogni Stato membro ne trae beneficio".

Nel tweet: "_Abbiamo riportato in superficie la forza interiore dell'Europa._Con unità, solidarietà e determinazione".

Si farà in tempo? Perché si pone una domanda: non si corre il rischio di arrivare in ritardo?

"Adesso sul tavolo del Consiglio e del Parlamento c'è la proposta per dare capacità di intervento finanziario agli Stati membri, ai governi, in modo che possano sostenere le famiglie e le imprese vulnerabili. Si tratta di circa 140 miliardi di euro che saranno investiti in questo senso".