This content is not available in your region

Cambio del clima e inquinamento, attivisti contro le navi da crociera

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  John Jonsson/AP

Un vero e proprio mostro marino, che fa la felicità dei crocieristi ma che irrita i difensori dell'ambiente a Marsiglia. 

Lo scorso giugno, gli attivisti hanno bloccato la Wonder of the Seas, lunga 362 metri, 15 piscine, un simulatore di surf, una pista di pattinaggio.

Un modo di viaggiare considerato un'aberrazione nel mondo odierno da chi si preoccupa di cambiamenti del clima e inquinamento.

Le attività marittime sono difatti responsabili del 39% delle emissioni di biossido di azoto - un inquinante atmosferico - nell'area metropolitana di Marsiglia.

"Una nave attraccata per un'ora a Marsiglia - dice Damien Piga, Osservatorio per il monitoraggio della qualità dell'aria - sarà l'equivalente di 30.000 veicoli che viaggiano a 30 km/h a Marsiglia, per un'ora".

Anche a Barcellona, alle Isole Baleari e a Venezia, sono state avviate azioni per bandire i cosiddetti mostri marini, gli oppositori di questo modello turistico rifiutano di lasciare che il Mediterraneo diventi la discarica mondiale.