Truffa in hotel a Rimini, disposta chiusura della struttura

Notificato l'atto al gestore residente nel Torinese
Notificato l'atto al gestore residente nel Torinese
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - RIMINI, 10 AGO - È stata disposta la chiusura dell'hotel di Rimini, a Marebello, dove continuano ad arrivare turisti che avevano versato la caparra per camere in realtà non disponibili. Al gestore, che risiede nel Torinese, è stato notificato l'atto. I viaggiatori che arrivano al due stelle, con la caparra già versata, non fanno altro che denunciare. Il Comune aveva posto i sigilli alla struttura venerdì scorso per il mancato rispetto delle norme antincendio. Ma il provvedimento non era stato ancora notificato perché il gestore ha chiuso la Pec e perché residente nel Torinese. Nei giorni scorsi, quindi, dei messi comunali hanno portato a mano l'ordinanza per depositarla presso il comune di Druento, atto che è stato ritirato martedì dal gestore che da quel momento ha 72 ore di tempo per chiudere l'attività. Venerdì prossimo - riporta la stampa locale - gli agenti della polizia locale andranno ad apporre i sigilli alla struttura. L'hotel è stato affittato da una famiglia al gestore piemontese per la stagione estiva. "Tra i truffati ci siamo anche noi, non ci hanno pagato una parte dell'affitto, e stanno rovinando la nostra immagine", hanno dichiarato i proprietari, che ribadiscono: "Noi non c'entriamo nulla". A quanto risulta, i gestori avrebbero messo in atto lo stesso meccanismo l'estate scorsa in un'altra struttura della vicina Cattolica. Comune, Associazione albergatori e Visit Rimini stanno cercando una sistemazione alle famiglie arrivate, alcune con bambini, senza una camera. Operazione non semplice dato il periodo di alta stagione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, "intesa" sui punti principali per un cessate il fuoco, ma Netanayahu non arretra su Rafah

L'Ue cerca nuove rotte commerciali dalla Cina: il Corridoio di mezzo attraverserà Caucaso e Turchia

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"