This content is not available in your region

Siccità: allevatore, valuto la chiusura dell'azienda

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Nell'Alessandrino.Badino:'È fine attività iniziata da mio nonno'
Nell'Alessandrino.Badino:'È fine attività iniziata da mio nonno'

(ANSA) – ALESSANDRIA, 29 LUG – “La situazione per noi
allevatori è di vera crisi. La marginalità degli ultimi anni era
bassa, ora è insostenibile, tanto da parlare di sopravvivenza
delle aziende. Sto, infatti, valutando la chiusura della mia”. A
spiegarlo è Marco Badino, socio Cia, titolare omonima azienda
agricola a Tagliolo Monferrato, allevatore alla terza
generazione di Razza bovina Piemontese, con 35 capi in stalla. “Significa terminare un’attività iniziata da mio nonno,
proseguita con mio padre e arrivata fino a me – sottolinea -. Si
lavora in perdita secca, non si riesce più a far fronte a tutte
le spese: bisogna, talvolta, prendere decisioni estreme, se
inevitabili. I prezzi dei concimi, del gasolio, delle razioni
alimentari per i capi continuano ad aumentare, mentre noi li
subiamo all’acquisto e alla vendita dei capi”. La siccità – rileva la Cia locale – impatta pesantemente
sull’ attività ordinaria: nei campi si è svolto solo il secondo
taglio di erba medica, con raccolto scarsissimo,
anziché i tre o quattro previsti nell’anno. L’assenza di fieno
costringe a utilizzare le scorte stoccate per l’inverno. Il
costo del mais oscilla tra 340-380 euro a tnl, contro i 280 di
gennaio, nel 2021 era 260. A questo
si aggiunge l’aumento del 245% dell’ energia elettrica (luglio
2021-giugno 2022), del 67 del gasolio, dell’11 della soia.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.