Veicolo investe ciclisti, 4 morti e 6 feriti

A Grosseto, conducente auto si sarebbe sentito male
A Grosseto, conducente auto si sarebbe sentito male
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GROSSETO, 14 LUG - Quattro persone, tre ciclisti ed il conducente del mezzo sono morti nell' incidente stradale avvenuto in tarda mattinata in via Pupilli, all'altezza del passaggio a livello di Braccagni a Grosseto. Dalla ricostruzione fatta agli investigatori da un testimone oculare sembra che il gruppo di ciclisti sia stato travolto da un'auto, un'utilitaria condotta da un anziano. Il conducente, residente nel Grossetano si sarebbe sentito male ed è poi stato ritrovato morto nel mezzo. Secondo la ricostruzione a causa del malore avrebbe invaso la corsia opposta della strada subito fuori l'abitato di Braccagni, sulla Vecchia Aurelia. L'auto avrebbe preso in pieno la carovana di 20 ciclisti. Uno dei ciclisti deceduti sarebbe rimasto incastrato sotto l'utilitaria che si è fermata nella fossetta laterale dopo circa 50 metri, mentre le altre due vittime sarebbero morte al momento dell'urto. Per un ciclista in codice rosso è intervenuta l'automedica di Grosseto che lo ha trasportato con il Pegaso all'ospedale di Siena. Gli altri cinque feriti sono stati trasportati in codice giallo all'ospedale di Grosseto. Sul luogo dell'incidente è arrivato anche il procuratore della Repubblica di Grosseto Maria Navarro insieme al sostituto procuratore Nicola Falco. Per i rilievi al lavoro polizia municipale e carabinieri di supporto. La strada è chiusa. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista

Accoltellamento in Australia, all'eroe francese un visto di residenza permanente

Ritiro delle truppe dal Karabakh dove i russi erano forza di pace