EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Cannabis: la 'sardina' Santori, in casa coltivo tre piantine

'Così non alimento il crimine, Parlamento deve legiferare'
'Così non alimento il crimine, Parlamento deve legiferare'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 10 LUG - Coltiva la cannabis sotto le lampade in casa e quest'anno il raccolto di tre piantine ha fruttato 60 grammi d'erba. Lo ammette Mattia Santori, fondatore del movimento delle 'Sardine' e oggi consigliere comunale a Bologna con delega al Turismo, promotore dei 'Cannabis talk' e di altre iniziative di sensibilizzazione sul tema. La 'confessione' qualche giorno fa durante gli Stati generali sulla cannabis che si sono svolti a Milano, ma "l'avevo già detto in passato", sottolinea intervistato oggi da Repubblica. "Mi faccio le canne da quando ho 18 anni - spiega Santori - poi un giorno mia sorella rientrata da Amsterdam mi ha portato dei semi, un regalo goliardico, li ho piantati ed è andata male. Ho comprato l'occorrente e solo al terzo tentativo sono cresciuti. Insomma non solo la consumo, ma la autoproduco per uso personale". "Al momento - ammette - l'autocoltivazione è equiparata allo spaccio per cui io rischio sino a sei anni di carcere: è assurdo. Non a caso le Corti riunite della Cassazione hanno già indicato ai tribunali di considerare poche piantine come uso personale. Ora tocca al Parlamento muoversi". "Acquisto i semi da un canapaio che paga le tasse - afferma Santori - ho comprato le mie attrezzature, e tutto questo è già legale. In questo modo so dove vanno i miei soldi. Il mercato della cannabis alimenta la criminalità organizzata. Io non voglio che il mio consumo ricreativo di una canna ogni tre giorni vada ad arricchire un criminale, per questo dico che il mio è un comportamento virtuoso". "Se il Parlamento fa spallucce io non sto zitto. Crea dipendenza? È provato scientificamente che non è così. Poi è chiaro che occorrono politiche di intervento su un consumo problematico. Ma non è meglio allora che il tuo consulente sia un esperto che ti vende i semi e non robaccia piuttosto che un pusher nelle cui mani finiscono i minorenni?" (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turbolenza su un volo dal Qatar diretto in Irlanda: almeno 12 feriti

Guerra in Ucraina, salgono a 16 le vittime dell'attacco russo su un negozio a Kharkiv

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv